Michael Wilbon su Doc Rivers, "Ai Lakers? LeBron James non vuole essere allenato"
134345
post-template-default,single,single-post,postid-134345,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Michael Wilbon su Doc Rivers, “Ai Lakers? LeBron James non vuole essere allenato”

Gilgeous-Alexander

Michael Wilbon su Doc Rivers, “Ai Lakers? LeBron James non vuole essere allenato”

La fallimentare stagione dei Los Angeles Lakers comporterà inevitabilmente uno stravolgimento di roster e staff in estate, compreso il probabile licenziamento dell’head coach Luke Walton. Nelle ultime settimane in molti sono stati accostati alla panchina dei gialloviola in vista del 2019/2020. Tra questi anche Doc Rivers, attuale allenatore dei Los Angeles Clippers.

Rivers ha esplicitamente fatto sapere di non avere alcuna intenzione di lasciare la squadra attualmente settima nella Western Conference, con cui ha già dato avvio alle trattative per il rinnovo di contratto, spazzando così via tutte le voci di mercato.

Michael Wilbon su Doc Rivers: “LeBron James è il motivo per cui non andrà ai Lakers”

Dopo le dichiarazioni dell’ex allenatore dei Boston Celtics, anche Michael Wilbon, opinionista di ESPN, ha pensato di lanciare una frecciatina nei confronti dei Los Angeles Lakers e della loro star LeBron James, riguardo al motivo per cui Doc Rivers non avrebbe voluto scegliere di aggregarsi all’altra squadra di LA.

“LeBron James non vuole essere allenato”, ha detto durante il programma Pardon The Interruption, “Non è mai stato allenato da qualcuno con quel tipo di personalità, comando, autorità, acume, intelletto”.

Parole provocatorie che di certo non avranno fatto piacere a James, ma che sottolineano l’effettiva leadership che è riuscito ad ottenere nel corso della propria carriera nelle proprie squadre. Questo fattore tuttavia, rischia di allontanare molte grandi personalità della pallacanestro, come nel caso di Rivers, dalla volontà di condividere il parquet.

Francesco Schinea
fschinea@gmail.com
No Comments

Post A Comment