Mike Budenholzer contro Drake: "E' sempre in campo, la NBA lo permette?"
139401
post-template-default,single,single-post,postid-139401,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Mike Budenholzer contro Drake: “E’ sempre in campo, la NBA lo permette?”

drake draymond green

Mike Budenholzer contro Drake: “E’ sempre in campo, la NBA lo permette?”

Coach Mike Budenholzer non ha gradito la presenza costante a bordocampo, e spesso oltre i limiti della linea di campo, di Drake a Toronto.

Il musicista e produttore discografico canadese è da anni il tifoso numero 1 dei Toronto Raptors, sempre presente alla Scotiabank Arena e dal 2013 insignito della carica di “ambasciatore onorario dei Raptors nel mondo”.

Negli anni, l’artista di Toronto è diventato celebre nei circuiti NBA per il suo tifo appassionato e per le sue conoscenze. Drake è una figura riconosciuta e rispettata da tanti giocatori, e negli anni le sue interazioni con giocatori, arbitri e pubblico hanno trovato spazio nelle “note a margine” delle partite casalinghe dei suoi Raptors.

Durante le due partite della Scotiabank Arena tra Toronto Raptors e Milwaukee Bucks, in cui i padroni di casa hanno trovato la forza di impattare la serie di finale della Eastern Conference sul 2-2, l’invadenza di Drake durante la gara è apparsa agli occhi di coach Mike Budenholzer oltre i livelli di norma consentiti.

Ad esempio lo si vede durante i time-out” Spiega l’head coach dei Milwaukee Bucks “Non credo che a nessuno che non sia un allenatore o giocatore sia permesso di mettere piede in campo. Non so quanto tempo (Drake, ndr) passi in piedi e dentro al campo, ma di certo quello non è il posto dei tifosi, o di quale che sia il ruolo di Drake con i Raptors. Le linee e le barriere esistono per un motivo, di solito la NBA non permette questo tipo di cose“.

Durante la quarta partita della serie, dominata dai Raptors, Drake si è spinto un poco più in là con le sue interazioni: al solito in piedi lungo la linea di bordocampo laterale, il rapper canadese è passato dietro a coach Nick Nurse, approfittando del momento per una fugace ed amichevole scrollata di spalle con il “suo” head coach, peraltro fin troppo concentrato per accorgersi di nulla.

E’ difficile non notarlo” Ancora Budenholzer “Ogni tanto Drake approfitta dei time-out per coinvolgere il pubblico, oppure tentare di parlare con gli arbitri… insomma, lo si nota“.

La serie si trasferirà in Wisconsin per gara 5 nella notte italiana tra 23 e 24 maggio, per fare ritorno a Toronto per gara 6.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment