fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News NBA: mascherine, trasferte e hotel, arriva la stretta sulle misure anti Covid

NBA: mascherine, trasferte e hotel, arriva la stretta sulle misure anti Covid

di Michele Gibin

La NBA ha deciso la stretta sulle nuove norme anti Covid per rafforzare il suo protocollo di sicurzza e scongiurare un’ondata di contagi tra i giocatori, mentre è stato deciso il rinvio anche della quinta partita in stagione, quella in programma tra Orlando Magic e Boston Celtics a Boston, mercoledì. Per i Celtics è la terza partita rinviata di fila.

Il nuovo protocollo elimina le interazioni tra giocatori di squadre diverse prima e dopo le partite, come strette di mano e abbracci o conversazioni a distanza ravvicinata. Più stringente anche la condotta da tenere per i giocatori sia in trasferta, dove ad atleti e staff sarà vietato lasciare gli alberghi per attività non essenziali o per casi di emergenza, e non sarà permesso loro di avere ospiti nelle proprie stanze (cosa che era invece permessa, abbastanza sorprendentemente).

Alle squadre verrà richiesto di assegnare in modo fisso durante le trasferte i posti sia in aereo che in panchina, in modo tale che un giocatore sieda vicino sempre allo stesso compagno di squadra.

In occasione delle partite casalinghe e quando non in viaggio, ai giocatori verrà richiesto di restare a casa fatto salvo che per recarsi agli allenamenti e partite, o per ogni caso di emergenza. I giocatori si potranno recare all’arena non più di tre ore prima della palla a due.

Per almeno due settimane, la permanenza di giocatori e staff negli spogliatoi sarà permessa per non più di 10 minuti, e sarà obbligatorio l’uso delle mascherine. Tutti gli altri meeting e riunoni tecniche verranno svolti in luoghi che garantiscono più spazio e la possibilità di distanziarsi. Ai giocatori in panchina, anche a quelli attivi, sarà esteso l’obbligo delle mascherine, e verrà effettuato un monitoraggio più stretto sul corretto uso delle stesse, troppo spesso calate sul mento o non indossate a dovere durante le partite.

Per chiunque per motivi professionali frequenta regolarmente le abitazioni di giocatori e membri degli staff, saranno previsti due tamponi a settimana per la diagnosi del coronavirus.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi