Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBrooklyn Nets Nets, contro i Thunder seconda sconfitta di fila nel ritorno di Kevin Durant

Nets, contro i Thunder seconda sconfitta di fila nel ritorno di Kevin Durant

di Michele Conti
I-Brooklyn-Nets-perdono-in-casa-contro-i-Thunder-nonostante-il-rientro-di-Kevin-Durant

I Brooklyn Nets continuano a registrare un andamento discontinuo che impedisce ogni valutazione sul loro cammino. Contro gli Oklahoma City Thunder arriva la sesta sconfitta stagionale. Di queste, quattro sono avvenute con avversari che registrano un record negativo. La sfida domenicale ha visto il ritorno di Kevin Durant dopo tre gare di assenza a causa dei protocolli anti-Covid. Mentre Kyrie Irving non è tuttora tornato a disposizione di Steve Nash. L’allenatore dei Brooklyn Nets ha sottolineato come ogni conversazione tra l’organizzazione e il giocatore verrà mantenuta privata. Una presunta segretezza che non permette di trarre conclusioni. Ma Steve Nash ha rassicurato le buone intenzioni della sua point-guard, seppure non abbia potuto concedere una possibile data per il rientro. “Sono certo che, ad un certo punto, sarà lui a esporre la sua posizione. Non sono preoccupato per la sua condizione fisica. È un giocatore brillante.

Come riferito da Royce Young di ESPN, Kevin Durant ha raccontato di come abbia passato la sua quarantena settimanale a lavorare. “Non direi che è stata dura, ma avrei preferito essere al fianco dei miei compagni. Dopotutto, il Covid ci ha imposto queste restrizioni e tanti ragazzi sono sotto il regime dei protocolli. Ognuno di noi era consapevole di queste complicazioni una volta iniziata la stagione. Perciò, non mi ha turbato tutto ciò. Sono solamente contento di essere sceso di nuovo in campo.” Dopo la riabilitazione per l’infortunio al tendine d’Achille, Kevin Durant sta registrando 29.3 punti di media a gara. Si tratta del secondo dato statistico più alto nella sua carriera. Inoltre, sinora sta proseguendo il trend per l’ottava stagione consecutiva con una percentuale al tiro superiore al 50%.

L’analisi della sconfitta dei Brooklyn Nets

Gli Oklahoma City Thunder, reduci da due vittorie consecutive, si presentavano alla sfida con il terzo peggior dato nella lega per media punti segnati. Questo si trasmette poi nel ventisettesimo slot ricoperto per efficienza offensiva. Il punteggio finale di 129-116 stravolge completamente ciò che i numeri potevano presagire. Ancor più se si considera che i Brooklyn Nets sono quinti nella lega per punti subiti su 100 possessi. Ciò nonostante, la squadra di Steve Nash è lontana dal mettere in mostra una potenza difensiva del livello di una contender. Nel secondo tempo si sommano 72 punti subiti che hanno portato l’impeto nelle mani degli Oklahoma City Thunder. A chi accusa la squadra di Steve Nash di aver mollato la presa dopo il vantaggio acquisito, lui risponde in questo modo.

Non ha importanza quale set difensivo si applichi. Ognuno deve scendere in campo e marcare il proprio avversario ed aiutare i compagni. Questa sera non lo abbiamo fatto. Non ho percepito lo spirito competitivo nel secondo tempo. Mi è parsa come una mancanza di rispetto. Dobbiamo imparare da queste lacune e migliorare.” Sul fronte offensivo, i Brooklyn Nets hanno tirato da tre sotto la media stagionale, con 10 su 34 ed il 29.5%. Gli assist di squadra sono 23 su 43 tiri segnati dal campo ed il collasso nel secondo tempo si manifesta nei 17 palloni persi. Kevin Durant ha aggiornato il suo massimo stagionale con 36 punti, che con gli 11 rimbalzi catturati porta la terza doppia-doppia finora. I giocatori in doppia cifra sono sei, guidati da Caris Levert. Quando le due stelle sono state assenti, ha sempre messo in mostra tutto il suo potenziale offensivo.

I Brooklyn Nets sono tra le squadre che maggiormente necessitano di tempo per costruire una propria struttura solida. La mole di talento dei giocatori non pone ostacoli sul rendimento in termini di capacità offensiva. La realtà è che i Brooklyn Nets presentano ampi margini di miglioramento, eppure sono quinti per efficienza difensiva, e sesti per la medesima statistica applicata all’attacco. Il differenziale genera il secondo posto in net rating. Pochissime squadre in evoluzione possono già vantare una base di partenza così valida. I risultati attuali sono sotto le aspettative, ed i prossimi avversari sono i temibili Denver Nuggets, ma i veri Brooklyn Nets non sono ancora davanti ai nostri occhi. Aspettando il ritorno di Kyrie Irving.

You may also like

Lascia un commento