fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDetroit Pistons Pistons, Blake Griffin vuole far parte della ricostruzione “anche con un ruolo diverso”

Pistons, Blake Griffin vuole far parte della ricostruzione “anche con un ruolo diverso”

di Giovanni Oriolo

Tra le otto squadre che non hanno preso parte alle gare nella bolla di Orlando ci sono i Detroit Pistons della stella Blake Griffin.

L’ex Clippers, proprio in questi giorni, ha iniziato la riabilitazione dopo aver superato l’ennesimo problema fisico della sua carriera. In una recente intervista rilasciata a ESPN durante una di queste sedute, l’ala 31enne ha dichiarato che è disposto ad accettare “un ruolo diverso”, se necessario, pur di far parte della ricostruzione dei suoi Pistons.

Blake Griffin sulla nuova stagione dei Pistons, “Promesso che avremo una squadra competitiva”

Blake Griffin è stato sottoposto a un intervento chirurgico al ginocchio sinistro lo scorso 7 gennaio e in questa stagione ha giocato solo 18 match, ma ritiene di poter tornare in forma per la prossima stagione. E proprio per questo è convinto di poter essere ancora parte del progetto del team di Detroit.

“Voglio che la nostra squadra sia competitiva l’anno prossimo. Ho avuto delle importanti conversazioni con coach Casey, con Troy Weaver e il resto del front office. Loro mi hanno assicurato che vogliono mettere in campo una squadra competitiva. Io gli credo e gli ho detto che sono a loro disposizione per qualsiasi cosa e che sono disposto ad assumere anche un ruolo diverso da quello che ho ora, qualunque esso sia. In più conosco Troy da un po’ di tempo e il suo arrivo qui a Detroit è stato fantastico. Lui ha una grande mentalità e un occhio molto, molto buono per i giovani di talento. Gli piacciano i ragazzi che giocano a muso duro, che dopo il salto in NBA continuano a lavorare come se non fossero ancora arrivati dove volevano e si guadagnano il loro posto nel roster. Per questo sono fiducioso e positivo, visto che sarà lui a guidare la ricostruzione”

Griffin ha chiuso parlando dei giovani in squadra e di cosa gli vuole trasmettere:

“Il prossimo anno avremo molti ragazzi giovani in squadra, quindi penso di passare molto tempo con loro e gettare le basi per assicurarmi che tutti capiscano cosa vuol dire giocare a basket ai Pistons e quale sia il tipo di basket che cerchiamo qui. Con l’avvicinarsi della stagione, della free agency e del draft avremo le idee più chiare sul roster e saremo in grado di lavorare meglio. Ma in questo momento, sono qui, e sto già lavorando e provando a essere un leader in ogni modo possibile per i compagni”

Pistons, sarà il nuovo GM Troy Weaver l’uomo giusto per la ricostruzione?

Durante la sospensione del campionato, Detroit ha apportato cambiamenti chiave nel front office, partendo dall’arrivo di un nuovo GM. I Pistons, infatti, hanno firmato come general manager l’ex dirigente dei Oklahoma City Thunder Troy Weaver. Troy conosce molto bene Griffin, il quale è cresciuto a Oklahoma, e il suo arrivo è uno dei motivi principali che ha convinto Blake a credere ancora nel progetto della franchigia del Michigan.

Nella conferenza stampa di insediamento, Weaver, ha fin da subito messo in chiaro che nel suo programma di rilancio dei Pistons fanno parte entrambi i due veterani della squadra, Griffin e Derrick Rose.

“Ovviamente, avendo vissuto a Oklahoma City negli ultimi 12 anni, ricordo molto bene come gioca Blake. Ricordo di aver visto molte sue partite al college e quando veniva da avversario in città. In più conosco la sua famiglia e so l’ambiente nel quale è cresciuto. Quindi ho molta familiarità con Blake. Ci siamo già sentiti e abbiamo già scherzato molto sul fatto che siamo finiti a lavorare insieme. L’anno del suo draft speravo che uscisse a noi la scelta numero 1 per prenderla, ma non è andata così. Però, per non dargli soddisfazione, quando lo vedo gli chiedo come sia possibile che proprio lui sia stato scelto alla prima chiamata, ovviamente scherzando perché so il suo valore e sono entusiasta di lavorare con lui”.

Il futuro dei Pistons passa dalla risoluzione dei problemi fisici di Griffin e dalla crescita dei giovani a roster

Griffin dopo una stagione praticamente mai iniziata, ha ancora due anni di contratto con la franchigia di Detroit. Lo stipendio, però, non è dei più comodi, visto anche il fisico propenso ad infortunarsi. Blake guadagnerà 36.6 milioni di dollari nel 2020\21 e ha una player option di 38.9 milioni di dollari per il 2021\22.

Il team, però ha fatto capire di voler ancora puntare su di lui, anche per far crescere i giovani. Proprio in questa prospettiva i Pistons hanno deciso di acquistare i Northern Arizona Suns, squadra di G-League prima affiliata ai Phoenix Suns. La nuova squadra dovrebbe iniziare a giocare nella stagione 2021/22 in un campo attualmente in costruzione nel campus della Wayne State University.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi