Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Shaq nella leggenda: Orlando ritira la sua maglia numero 32

Shaq nella leggenda: Orlando ritira la sua maglia numero 32

di Alessandro Buongiorno
shaq ritiro maglia orlando magic

Shaquille O’Neal entra nella leggenda, gli Orlando Magic ritirano la sua iconica maglia numero 32. Nella serata in cui Orlando perde contro gli Oklahoma City Thunder per 127-113, rimarrà per sempre nella storia il momento in cui hanno appeso al tetto del Kia Center la sua storica maglia. Dopo ormai 30 anni dal giorno in cui venne scelto alla prima posizione del draft, primo nella storia della franchigia, Shaq si prende i suoi più che meritati omaggi. O’Neal vanta nel suo curriculum con i Magic anche di essere stato il primo Rookie of the Year, Shaq è stato a tutti gli effetti la prima vera superstar che Orlando abbia mai avuto.

Nonostante i soli 4 anni passati nella Beautiful City è rimasto e rimarrà per sempre nei ricordi dei suoi tifosi che hanno avuto la possibilità di celebrarlo nel giusto modo. Dopo la cerimonia è toccato proprio a lui parlare e come sempre ha dimostrato grande umiltà parlando della città e delle persone che lo hanno accompagnato nei suoi primi passi da cestista professionista definendole come “le persone più ospitali che lui abbia mai incontrato“. All’appuntamento non potevano mancare ovviamente anche i suoi ex compagni dell’epoca tra cui Penny Hardaway, Dennis Scott e Nick Anderson. 

Anche il CEO dei Magic Alex Martins è intervenuto dicendo che “è merito di Shaq se i Magic sono riusciti a mantenere un nome nella lega e trovare un posto sulla mappa“. Ha sottolineato anche che sono orgogliosi di aver avuto un hall of famer tra i propri giocatori e di come tutti abbiano apprezzato, da tifosi e addetti ai lavori, l’impegno e il sacrificio che ha messo nel giocare per loro.

Solo 11 giocatori nella storia della pallacanestro americana hanno avuto la possibilità di avere la propria maglia ritirata da ben due franchigie. Shaquille O’Neal entra così in un club ristretto in cui fanno parte leggende del calibro di Kareem Abdul-Jabbar o Julius Erving. 

Shaq chiuse la carriera con i Magic nel 1996, ceduto via trade ai Lakers, con un totale di 295 partite giocate ma nonostante ciò è nella top 10 scoring list e terzo in quella dei rimbalzi. Il centro ha chiuso ringraziando tutti e ringraziando la franchigia per la possibilità di aver realizzato il suo sogno di diventare un professionista.

You may also like

Lascia un commento