Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDetroit Pistons Pistons: nuove soluzioni aspettando il rientro di Jennings

Pistons: nuove soluzioni aspettando il rientro di Jennings

di Giacomo Mugnai

Brandon Jennings sta attraversando le fasi finali della sua convalescenza.

La guardia dei Detroit Pistons aveva subito un intervento al tendine d’ Achille sinistro dopo un terribile infortunio nel gennaio scorso contro Milwaukee.

Paradossalmente, l’ ex playmaker della Virtus Roma ha subito il più grave stop durante il periodo della sua consacrazione nella NBA.

Nei mesi di dicembre e gennaio, infatti, aveva fatto registrare ottime prestazioni, portando i Pistons ad un record di 7 vittorie consecutive, prima del suo infortunio.  Su tutte, i 25 punti, conditi da 5 assist, contro i Cavs (28 dicembre), i 29 contro i Knicks del 2 gennaio e i 35 punti nella vittoria contro Sacramento di due giorni dopo. 

La squadra allenata da Van Gundy andava alla ricerca di un posto tra le prime 8, ed era tornata sui binari giusti dopo la cessione di Josh Smith e l’ incredibile rendimento di Jennings, ma poi l’infortunio ha bloccato tutto.

Recentemente il coach è tornato sull’ argomento:

“Se Jennings tornerà ad essere quello dello scorso anno non ci saranno problemi per i miei ragazzi, ma il suo rientro è previsto per dicembre.”

Van Gundy si è soffermato poi su Reggie Jackson:

E’ una guardia dinamica con un fisico che permette di marcare gli avversari nei movimenti senza palla e offrire blocchi per i compagni. Non escludo un gioco con “doppio play” al rientro di Jennings, nè occasioni in cui Jackson partirà in quintetto base e Brandon dalla panchina. Dipenderà tutto dalle sue condizioni fisiche.”

Jennings è al suo ultimo anno di contratto da 8,3 milioni con i Pistons. La franchigia del Michigan non ha espresso la volontà di rinnovarlo, e non esclude un possibile scambio nel marcato di gennaio.

Per NbaPassion.com,

Giacomo Mugnai (@mugiaco on twitter)

 

 

You may also like

Lascia un commento