AD7

Golden State Warriors NBA Finals 2018, semplicemente perfetti

Warriors NBA Finals 2018 da 10 in pagella

Warriors NBA Finals 2018, idillio da incorniciare: dopo aver rischiato contro i Rockets, la strada è stata tutta spianata verso il titolo NBA 2018. Troppo straripanti, i Warriors hanno meritato un titolo che non poteva finire nelle mani di nessun altro. 4-0 e via, un messaggio chiaro alla lega. Nessuno scampo per i Cleveland Cavaliers

Andiamo a vedere come si sono comportati i Warriors in questi playoff e cosa riserverà il futuro alla franchigia della Baia. Una autentica dinastia.

WARRIORS FINALS 2018: UN TITOLO SCONTATO? NO, SUDATO

Golden State Warriors’ Stephen Curry shoots next to Cleveland Cavaliers’ LeBron James during the second half of Game 3 of basketball’s NBA Finals, Wednesday, June 6, 2018, in Cleveland. The Warriors defeated the Cavaliers 110-102 to take a 3-0 lead in the series. (Gregory Shamus/Pool Photo via AP)

Titolo non scontato? Non proprio così, i Warriors avevano tutti i favori del pronostico ma sono passati davanti ed oltre a situazioni piuttosto complicate. Quali? In primis il fatto di dover ribaltare una serie tosta, tostissima, contro gli Houston Rockets di James Harden. E’ vero,  la fortuna ha girato dalla parte della franchigia della Baia sul 3-2 per i texani, ma Golden State è stata lesta, furba, ed esperta al punto giusto da blindare il passaggio del turno con due prestazioni simili e determinate. Da lì in poi la discesa, c’è poco da dire? No c’è molto da dire, anche gara 1 delle NBA Finals 2018 sudata, molto sudata, anche qui la fortuna aiuta gli audaci. Rimbalzo di JR Smith, e tutti ricordiamo cosa ha combinato. L’evento si, anche in questo caso che ha spostato la serie. Ma non parliamo di fortuna per favore. La forza impressionante degli Warriors è venuta fuori in gara 1, come in gara 2, come in tutte le sfide della serie finale, mai realmente in pericolo.

Curry, Durant, Thompson, tutti a turno hanno tirato fuori gli artigli, al momento giusto hanno azzannato i match. Ed è tutto più facile ora grazie al numero 35. Il giocatore offensivo più immarcabile della lega? Praticamente…

WARRIORS NBA FINALS 2018: ED ORA?

I Warriors vincono il titolo 2018, ma non solo KD uscirà dal contratto e rifirmerà a cifre inferiori, Klay Thompson nel 2019 firmerà una estensione contrattuale; si parla realmente soltanto di mere formalità, come il contratto di Steph Curry già firmato e già blindato. Insomma, il nucleo dei Warriors resterà e si parla già di futuri possibili arrivi. Chi? Trevor Ariza, unrestricted free agent dagli Houston Rockets: se non puoi batterli…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.