AD7

Giannis Antetokounmpo protesta con la direzione di gara: “Il mio sesto fallo è inesistente”

'The Greek Freak' commenta a caldo la decisione della direzione di gara di fischiargli il suo sesto fallo personale in game 1 contro i Celtics

Giannis Antetokounmpo protesta la decisione presa dagli arbitri avvenuta nell’overtime di game 1 contro i Boston Celtics, che è costata il match ai suoi Milwaukee Bucks.

Giannis Antetokounmpo: “La prossima volta eviterò situazioni del genere”

La prima partita della seconda giornata dei Playoffs Nba è stata certamente quella più vibrante di questa prima giornata di post-season. Al TD Garden, i Boston Celtics e i Milwaukee Bucks hanno dato vita al match più emozionante delle otto serie in programma in questo primo turno di Playoffs.

Al TD Garden, il team del Massachusetts allenato da coach Brad Stevens si è imposto sulla squadra allenata da coach Prunty soltanto nei tempi supplementari, dopo un canestro da cineteca realizzato da Khris Middleton.

L’episodio che ha deciso l’incontro però è avvenuto nel corso dell’overtime. In una lotta a rimbalzo, gli arbitri fischiano il sesto fallo personale a Giannis Antetokounmpo reo di essersi aggrappato alla point guard dei Celtics Terry Rozier.

Subito dopo il match, lo stesso ‘Greek Freak‘ ha mostrato il suo totale disappunto nei confronti della decisione arbitrale decisa a suo discapito.

Ecco le parole di Giannis Antetokounmpo ai microfoni di ‘Espn.com‘:

Sono convinto che quel contatto fra me e Rozier non era sanzionabile. Quel fallo è inesistente. Secondo gli arbitri sono andato sul braccio dell’avversario, quando invece sono andato soltanto sulla palla in netto anticipo.Devo convivere con questa decisione nonostante la sconfitta e bisogna guardare avanti, perchè abbiamo dimostrato di essere in grande condizione per battere i Boston Celtics. La prossima volta eviterò di farmi trovare in situazioni del genere, cercando di realizzare e concentrarmi meglio sui tiri liberi”.

 

LEGGI ANCHE: 

Playoffs gara 1: Paul George, Harden ed i cinque MVP delle prime sfide

LeBron James supera Jordan: 2189 canestri realizzati ai playoffs

Whiteside assente non giustificato: Embiid ancora out in gara 2

Kobe non farà l’analista tradizionale di ESPN: “Non è la mia passione”

Embiid out anche in gara due: le sue condizioni

SEGUICI SU FACEBOOKINSTAGRAMTWITTER e YOUTUBE

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.