Warriors-Blazers, Klay Thompson da 32 punti: "Bentornata mano calda!"

Warriors, Klay Thompson ritrova la mira, Blazers KO: “Bentornata, mano calda!”

Warriors, Klay Thompson ritrova la mira, Blazers KO: “Bentornata, mano calda!”

Klay Thompson, 32 punti per ricordarsi come si fa, e per battere a domicilio i Portland Trail Blazers di un Damian Lillard da 40 punti.

Il figlio del grande Mychal segna 4 delle 5 triple tentate, si scusa per il ritardo e dice a fine gara: “Sono tornato”. Gli warriors restituiscono a Portland il favore e pareggiano i conti dopo la sconfitta e la brutta serata di tiro patite solo 48 ore prima alla Oracle Arena di Oakland.

Thompson è il top scorer di serata per Golden State. Steph Curry segna 25 punti (6 su 15 al tiro, 11 su 14 dalla lunetta), Kevin Durant ne aggiunge altri 25, con 5 assist ma 6 palle perse. Draymond Green, “battezzato” dalla difesa di Portland per tutt la gara, segna solo 1 dei 6 tiri tentati, ma contribuisce con 9 rimbalzi e 6 assist.

I Blazers si dimostrano a propria volta imprecisi. Damian Lillard (40 punti 5 assist con 14 su 23 al tiro) segna da solo 6 delle 9 triple mandate a bersaglio dai padroni di casa (su 31 tentativi). C.J. McCollum incappa in una brutta serata (14 punti e 5 rimbalzi), e la panchina non contribuisce (solo 14 punti segnati). Al Moda Center di Portland, Warriors-Blazers termina 115-105 per gli ospiti.

Warriors-Blazers, Klay Thompson: “Bentornata, mano calda”

 

Solo pochi giorni fa, interrogato sulle difficoltà al tiro incontrate in questa stagione, Klay Thompson aveva ostentato fiducia nelle proprie qualità ed orgoglio, sicuro che la svolta sarebbe arrivata di lì a poco.

A Portland, l’aria di casa (Thompson ha giocato a Washington State, Oregon, ed il padre Mychal ha vestito per 8 anni la maglia dei Trail Blazers) ispira il 4 volte All-Star, che a fine gara si presenta ai cronisti:

Ho guardato la mia mano destra dopo la quarta triple e le ho detto: ‘bentornata! Non ci si vedeva da un po’…’ Dopo cinque o sei gare d’assenza, è stato bello vedere il pallone scendere di nuovo dalla retina con continuità. Spero che questa partita possa essere l’inizio di una serie positiva per me

– Klay Thompson dopo Warriors-Blazers –

 

 

21 su 68, questo il tabellino al tiro di Klay Thompson nelle cinque gare precedenti la sfida di Portland. Prosegue poi l’ex Washington State Cougars:

Qui in Oregon è come una seconda casa per me. Essere qui e poter giocare davanti alla mia famiglia sembra quasi surreale, a volte. Mi sento vecchio, mi sembra ieri che giravo per i corridoi in quest’arena andando a caccia di autografi, tornare a giocare qui è sempre un piacere per me (…) La mia crisi? Non seguo ciò che si dice in rete, su siti e blog. Un ambiente troppo volatile. oggi la velocità dei mass media è pazzesca. Preferisco leggere, distrarmi in altri modi durante la stagione. Se tentassi di stare dietro all’ultimo trend di Twitter, finirei per diventare matto

– Klay Thompson dopo Warriors-Blazers –

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment