“Qui si gioca per il titolo NBA” Philadelphia, ti presento Jimmy Butler

Conferenza stampa di presentazione per Jimmy Butler, alla presenza del General Manager dei Sixers Elton Brand.

Il 4 volte All-Star ed il lungo ex Creighton Justin Patton sono arrivati a Philadelphia a seguito di una trade che ha spedito Dario Saric, Robert Covington e Jerryd Bayless a Minneapolis.

L’obiettivo conclamato ed immediato dei Philadelphia 76ers è la caccia alla finale NBA, che manca nella Città dell’Amore Fraterno dal 2001, dai tempi di Allen Iverson.

Le prossime settimane saranno decisive per capire quanto e come Butler saprà inserirsi in quella che coach Brett Brown ha definito “una cultura di pallacanestro incentrata su difesa e durezza mentale“.

L’ex Twolves si giocherà da qui a – perlomeno – maggio le proprie chance di ottenere l’agognato “supermax contract” da 190 milioni di dollari in 5 anni. Cifra che i 76ers potranno offrirgli a partire dal prossimo 1 luglio.

Ci siamo guadagnati una ‘finestra’ per tentare l’assalto al titolo. Ed è fondamentale per noi fare tutto ciò che è in nostro potere per capitalizzarla. Avevamo la necessità di portare un’altra stella in squadra (…) per fare l’ultimo passo e riportare il titolo NBA in città. Gli obiettivi di Jimmy coincidono con i nostri

– Elton Brand su Jimmy Butler –

Jimmy Butler esordirà stanotte alla Amway Arena di Orlando, per la sfida tra 76ers e Magic.

Jimmy Butler: “Tutti i pezzi andranno al loro posto, si gioca per il titolo”

Un Jimmy Butler al solito sicuro di sè, al limite della spavalderia, ha parlato dei suoi obiettivi, delle sue impressioni sulla sua nuova squadra, e del suo ruolo nei Philadelphia 76ers che verranno:

Quando giochi con ragazzi che conoscono la pallacanestro, come qui a Philadelphia, tutto si incastra alla perfezione. Non finiremo per pestarci i piedi, gli ruoli per tutti qui non cambiano, ciascuno dovrà continuare a svolgere il proprio lavoro, ad essere lo stesso giocatore di sempre. Sarà un successo (…) sono entusiasta all’idea di giocare con Ben (Simmons, ndr) e Joel (Embiid, ndr). Suona proprio bene. L’obiettivo è vincere il titolo. Si gioca per quello, e per nient’altro

– Jimmy Butler si presenta a Philadelphia –

Butler ha aggiunto: “Condividere il campo con Simmons ed Embiid? Non credo sarà un problema, sono molto bravo nel distribuire il pallone e giocare lontano dalla palla. Troveremo presto il modo di convivere

Towns-Butler
Andrew Wiggins e Jimmy Butler

La nuova situazione in cui Jimmy Butler si trova a doversi muovere oggi ricorda per alcuni aspetti la situazione che l’ex Chicago Bulls trovò al suo arrivo a Minneapolis, poco più di 12 mesi fa.

Una squadra giovane, reduce da anni di paziente e difficile lavoro di ricostruzione, ed imperniata su un tandem di giovani talenti (Karl-Anthony Towns e Andrew Wiggins).

La vulgata vuole che Butler avesse mal accolto la – a suo dire – scarsa etica lavorativa e dedizione dei due. Cosa che ha presto reso impossibile per il prodotto di Marquette considerare una permanenza a lungo termine a Minnesota, nonostante la presenza del suo amato coach Tom Thibodeau.

Non penso di essere un cattivo compagno di squadra, ma la gente legge queste cose e finisce per crederci. Ritengo di essere un meraviglioso (‘incredible’ è la parola usata da Jimmy, ndr) essere umano e compagno di squadra, e tutti qui avranno modo di scoprirlo (…) credo che se un mio compagno dovesse avere un problema con me, verrebbe a dirmelo. Quindi, a meno che in tutti gli spogliatoi in cui sono stato finora tutti fossero incredibilmente falsi, non credo di aver mai avuto un singolo problema con nessuno

Elton Brand: “Trade facile, il nostro un ambiente vincente”

Elton Brand è consapevole di aver portato a Philadelpha un giocatore estremamente competitivo ed esigente, con se stesso e con gli altri:

Jimmy si fa voler bene nello spogliatoio, ed in campo è estremamente esigente, vuole solo vincere. Io non ho alcun problema con ciò, la nostra franchigia non ha alcun problema con ciò, i nostri giocatori meno che mai, perché sono loro i primi a voler vincere, sopra ogni altra cosa. E’ stata una trade facile da architettare, con tali premesse

Brand ha poi proiettato la permanenza di Butler oltre il termine della stagione 2018\19. L’ex Twolves ha intenzione di non esercitare l’opzione sull’ultimo anno di contratto (circa 19 milioni di dollari), per negoziare con il front office dei 76ers un’estensione al massimo salariale.

Spero che Jimmy possa trovarsi bene, qui. Spero che si possa vedere sin da subito una buona intesa, sappiamo che tipo di talento sia Butler. Jimmy è una superstar, non vediamo l’ora di poter avviare i colloqui per trattenerlo qui a lungo, ma per adesso non è ancora il momento

Jimmy Butler: “A Minnesota non ha funzionato”

Butler ha dedicato un passaggio della sua conferenza stampa ai Minnesota Timberwolves ed al suo ex coach Tom Thibodeau:

Tom è il mio ‘socio’, non è un segreto. Mi è dispiaciuto vederlo coinvolto in tutto quello che è successo. Lui sa come sono andate veramente le cose. Io ho un gran rispetto per lui, per i Minnesota Timberwolves e per tutti i giocatori. Le cose non hanno funzionato, semplicemente. Fa parte del gioco, fa parte della vita. Gli auguro comunque il meglio, e con loro ci sarà sempre un rapporto

– Jimmy Butler su Tom Thibodeau –

La trade ha lasciato i Philadelpha 76ers con un posto ancora disponibile a roster per coach Brett Brown.

Elton Brand cercherà di riempire l’ultima casella portando a Phila – qualora ve ne fosse la possibilità – un giocatore che possa fornire pericolosità da dietro l’arco dei tre punti: “Valuteremo senz’altro ciò che il mercato avrà da offrire. Riceviamo un sacco di chiamate, dovremo essere bravi a giocarci bene la possibilità di aggiungere un nuovo giocatore al nostro roster“.

Il mercato degli svincolati portò l’anno scorso a Philadelphia Marco Belinelli ed Ersan Ilyasova (via Atlanta). I due veterani si dimostrarono poi fondamentali per la corsa ai playoffs dei Sixers.

Tutti i fari sono ora puntati sul tiratore di Cleveland Kyle Korver, possibile oggetto di trade (o boyout) da parte dei Cavs nelle prossime settimane.

 

Seguiteci e dite la vostra su Facebook sul gruppo Passion NBA o su NBA Area, ma anche su Instagram su NBAPassion e sulla nostra pagina Facebook