Ray Allen parla del gioco di LBJ: “LeBron dovrà reinventarsi ai Lakers”

Ray Allen parla della nuova evoluzione di LeBron James. Il neo-entrato nella Hall Of Fame, ex compagno di LBJ ai Miami Heat, suggerisce qualche consiglio di gioco per la prossima stagione del ‘Prescelto‘.

Ray Allen: “Per il suo tipo di gioco, ha bisogno di tiratori attorno a lui”

Siamo ormai prossimi all’inizio della nuova stagione Nba e ovviamente uno dei protagonisti principali sarà inevitabilmente LeBron James. L’ala di Akron, dopo aver lasciato per la seconda volta la sua Cleveland, si appresta a vivere la sfida più difficile della sua carriera.

Dopo aver dominato per 8 lunghi anni nella Eastern Conference tra Cleveland e Miami, il ‘Prescelto‘ ha scelto i Los Angeles Lakers come sua prossima squadra per le prossime quattro stagioni.

La rivoluzione in casa giallo-viola, culminata con gli approdi dei veterani McGee, Stephenson, Rondo e Micheal Beasley, proverà a far crescere i giovani già presenti nel roster; tentando di arrivare il prima possibile a giocarsi un posto tra le prime forze della Western Conference.

Ne è certo anche Ray Allen. L’ex compagno di LBJ agli Heat, in queste ultime ore ha spiegato i motivi per la quale i Lakers hanno bisogno di James per puntare nel minor tempo possibile al titolo e non solo.

Ecco le parole di Allen rilasciate al ‘Dan Patrick Show‘:

LeBron in questa stagione deve reinventarsi ai Lakers. Quando ho giocato insieme agli Heat aveva bisogno di tiratori intorno a lui per esprimere al meglio la sua pallacanestro. Ci sono giocatori nel roster dei Lakers come Rondo e Stephenson che per caratteristiche tecniche non nascono tiratori. A Miami c’era gente come me e Miller e nella sua recente esperienza a Cleveland la situazione era leggermente differente. In tutto ciò aumentano le responsabilità in fase d’attacco. Sarà molto interessante vedere come James riesce a coinvolgere questo tipo di giocatori”. 

 

LEGGI ANCHE:

Free agency NBA 2019: quali saranno le guardie migliori?

Pistol – La leggenda di Pete Maravich

Chi è Klay Thompson: la grande bellezza (e non solo)

Kobe Bryant si allena ancora alle 4 del mattino: la sua rivelazione

Dwyane Wade giocherà ancora una stagione