fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationApprofondimenti Chicago – Philadelphia: Jimmy Butler trascina i Bulls

Chicago – Philadelphia: Jimmy Butler trascina i Bulls

di Mauro Manca

Prosegue la rincorsa alla leadership della Eastern Conference. Un primato al quale anche i Chicago Bulls hanno ribadito di voler ambire, liquidando i Philadelphia 76ers per 96-115 nella cornice dello United Center. L’Mvp del match è Jimmy Butler, che mette a referto 23 punti con 8/14 dal campo e un percorso netto dalla lunetta, mentre sul fronte opposto si accende il talento del rookie scelto con la terza assoluta Jahlil Okafor, che chiude la sua serata con 22 punti e 8 rimbalzi. Tra le file dei Bulls bene anche Tony Snell, Nikola Mirotic e Pau Gasol, mentre non brilla particolarmente Derrick Rose, per lui il magro bottino di 6 punti e 4 assist in poco più di 26 minuti d’impiego.

Detto di Okafor, il suo impatto unito ai buoni avvii di Covington e Wroten ha permesso ai 76ers di chiudere il primo tempo avanti di 5. L’intensità e l’atletismo messi sul parquet hanno colto di sorpresa i Bulls, rimasti a contatto grazie alle sfuriate offensive di Butler, all’energia di Noah sotto le plance e alla solita capacità di Gasol di pescare i taglianti dal post basso. Nel secondo tempo, con Mirotic letale dalla media distanza e Snell abile nel traffico e sugli scarichi, i tori hanno sapientemente invertito la rotta avendo la meglio sull’incoscienza e la gioventù dei giovani di Phladelphia. Il punteggio finale certifica 19 punti di scarto tra le squadre, un gap forse ingeneroso per i 76ers, artefici di una buona gara al cospetto di uno dei top team della Eastern Conference.

I Bulls si portano sul 14-8 e mantengono un record adatto a competere per il primato ad est, componendo con i Raptors e i Cavaliers un avvincente trio di testa. Dall’altra parte Philadelphia prosegue la sua stagione degli orrori che la vede occupare l’ultimo gradino di tutta la lega; tempi duri per i ragazzi di coach Brett Brown, il cui record recita un impietoso 1-25.

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi