fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsCharlotte Hornets Cousins e Batum, chiamateli MVP alternativi

Cousins e Batum, chiamateli MVP alternativi

di Giacomo Mugnai

Nella giornata di ieri la NBA ha assegnato i premi di “Players Of The Week“.

Dopo il dominio di Drummond e Curry, questa settimana ci riserva notevoli prestazioni dai bassi fondi della Lega, precisamente da Charlotte e Sacramento, due squadre che possono, al massimo, ambire all’ ottavo posto della rispettiva classifica.

Per la Easterne Conference è stato nominato Nicolas Batum mentre per la Western DeMarcus Cousins.

Sono due dei giocatori più versatili dell’ intero campionato, i leader delle rispettive squadre, nonostante Batum sia al suo primo anno di servizio per la franchigia di MJ.

Onnipresenza francese“:

Nicolas Batum è ovunque! 

Il suo fisico è il modello della NBA odierna; agilità e potenza gli permettono di prendere rimbalzi offensivi (la sua media rimbalzi è più alta di quella del centro titolare, Al Jefferson) e di tirare l’ attimo successivo dall’ arco, o tornare in penetrazione sfruttando i mis-match contro i centri avversari (più lenti) o contro i piccoli sul perimetro (meno esplosivi). Il suo tiro è costruito spesso dal palleggio, ma è molto efficace anche sul catch e shoot in uscita dai blocchi.

Un po’ di numeri:

La media del #5 in questa prima fase di regular season è di 17.7 punti, 3.8 assist e 6.5 rimbalzi ma nell’ ultima settimana ha raggiunto il culmine, non soltanto di questa stagione, ma della sua intera carriera. La percentuale da 3 punti del 44% lo inserisce al sesto posto della speciale classifica dei download (8)canestri dall’ arco, con 24 centri su 54 tentativi. Nelle ultime 4 partite (3-1) la sua percentuale è balzata al 57,7 % con 15 realizzazioni su 25 tentativi. Il 40% da 3 lo aveva raggiunto soltanto nel 2009-2010 a Portland.

Le sue performance sono andate in crescendo anche a livello di punti realizzati: 17 contro Minnesota, 25 nella vittoria per 2 punti contro i Knicks, 28 nella sconfitta a Chicago e ben 33 nell’ ultima gara disputata contro Portland. La sua media di 25.5 punti nella scorsa settimana lo ha piazzato al quinto posto dei migliori realizzatori della Easterne Conference.

E’ letteralmente ON FIRE se consideriamo che la media del 47% FG e 87% FT non l’ aveva mai raggiunta.

Il classe ’88 è nel suo anno di consacrazione e Charlotte sembra sia la stazione giusta dalla quale partire per costruire una carriera individuale da leader silenzioso.

Statistiche di questa settimana:

25.5 pts, 6.0 reb, 3.0 ast, 57% 3P.

 

Boogie si è stancato di perdere!“:

Nella costa del Pacifico, dove non ci si annoia mai, c’è una città la cui squadra è tutto fuorchè pacifica e noiosa. Nelle ultime settimane le prestazioni dei Sacramento Kings sono state il risultato dell’ altalenante rapporto tra i dirigenti Ranadive e Divac, tra questi e Coach Karl, e tra quest’ ultimo e DeMarcus Cousins. Dopo aver segnato un record negativo di 7 sconfitte e una sola vittoria, la panchina tremava e l’ addio di Karl pareva imminente.

Cousins era in mezzo ad una tempesta: doveva essere sospeso dal coach; era appena rientrato da un delicato infortunio al tendine d’ Achille e manifestava problemi in spogliatoio. La situazione perfetta per giocare da MVP della settimana.

Cousins è face così! Da il meglio di sè quando nascono i problemi. Trascina la squadra a 3 vittorie consecutive dopo averla (volontariamente?) trascinata nel fango.

E’ semplicemente il lungo più forte della Lega.

Riottoso nell’ atteggiamento e rivoluzionario nel gioco.

A inizio stagione aveva espresso la volontà di poter tirare dalla lunga distanza dopo due stagioni da 0% da 3 nel 2013-2014 e il 25% nel 2014-2015. Quest’ anno la percentuale è salita al 45%, il miglior tiratore dei Kings. Cousins entra di diritto nella classifica dei tiratori (unico centro presente) e rimane in quella dei rimbalzi alla numero 6 con 11.0 a partita.

Per coloro a cui piace il confronto si potrebbe rispondere, senza esagerare troppo, che il prodotto di Kentucky è la fusione perfetta tra Drummond e Love. Combatte con il primo a rimbalzo e sfida al tiro dalla distanza il secondo, superandolo in graduatoria. Non arriva ai 19 rimbalzi di Drummond più per scelta di gioco e per meriti che per limiti propri. Lo si denota dalla sua prestazione proprio contro Detroit: 4 canestri su 5 tentativi da 3, dei 9 rimbalzi soltanto 1 offensivo ( peggior risultato da inizio stagione), 33 punti alla fine e vittoria per i suoi Kings per 92-101.

Un centro che tira come una shooting guard, che penetra come un’ ala piccola e che si fa rispettare sotto canestro come il più tradizionale dei colleghi di reparto. Gioca in post, al gomito, in pick n’ roll. Si crea tiri dal palleggio e in uscita, subisce più falli nel pitturato e mette a segno la più alta percentuale di liberi della sua carriera.

Il tutto condito con i problemi con l’ allenatore.

Così sbagliato chiamarlo MVP? 

Un po’ di numeri:

Cousins ha dato il meglio di sè nelle ultime 3 uscite contro Detroit, Brooklyn e Toronto, le tre partite che hanno coinciso con le 3 vittorie per i Sacramento Kings dopo un record a dir poco penoso. Dopo i 33 punti e 9 rimbalzi contro i Pistons, ne arrivano 40 con 13 rimbalzi nella vittoria in volata contro i Nets cousinse 36 con 10 rimbalzi e un plus/minus di 15 contro i Raptors, ridimensionati dopo il più che positivo inizio di stagione. Il suo rientro ha migliorato il rendimento del quintetto base, sottotono per tutto il periodo d’ assenza DMC. Dal suo rientro Rondo ha fatto registrare 2 triple doppie in fila, con la maggior parte degli assist per il suo capitano col numero 15. Lo stesso vale per Rudy Gay autore di prestazioni da 25 e 27 punti rispettivamente contro Detroit e Toronto.

Più che il leader dei Kings, è il Re dei Re! Decide le sorti della sua squadra a suo piacimento.

E’ incostante e intrattabile. Proprio per questo il più decisivo.

Statistiche di questa settimana:

32,5 pts, 11 reb, 47,4% da 3 (9/19).

Per NbaPassion

Giacomo Mugnai

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi