fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsHouston Rockets Harden risponde ad Antetokounmpo: “Corre e schiaccia e non ha skills”

Harden risponde ad Antetokounmpo: “Corre e schiaccia e non ha skills”

di Dennis Izzo

Tra molte delle rivalità che infiammano la NBA, impossibile non citare quella tra James Harden e Giannis Antetokounmpo. I due si sono fronteggiati fino alla fine in una lotta tanto spettacolare quanto combattuta per l’MVP. Il primo chiuse la stagione con medie di 36.1 punti, 6.6 rimbalzi, 7.5 assist e 2 palle recuperate, nove partite con almeno 50 punti, due gare con 60 o più punti e trentadue partite consecutive con 30+ punti (secondo all-time, dietro al solo Wilt Chamberlain, ma ad aggiudicarsi il premio fu il secondo, capace di mettere a referto 27.7 punti, 12.5 rimbalzi, 5.9 assist, 1.3 recuperi e 1.5 stoppate, trascinando i Milwaukee Bucks al primo posto a Est col miglior record della lega (60-22).

I due non sono mai stati amici, anche perché Antetokounmpo ha spesso e volentieri dichiarato di non avere intenzione di intrattenere rapporti di amicizia con i suoi rivali. The Greek Freak, inoltre, ha più volte punzecchiato il Barba, in particolar modo in occasione del Draft dell’All-Star Game disputatosi a Chicago lo scorso 17 febbraio. Capitano della sua squadra, il numero 34 dei Bucks aveva la possibilità di scegliere Harden, preferendo però ripiegare su Kemba Walker. “Preferisco avere in squadra giocatori che passino il pallone.”, la motivazione della sua scelta.

Dopo la gara, vinta per 157-155 da Team LeBron, Antetokounmpo aveva lanciato un’altra frecciata a Harden, dichiarando che la strategia della sua squadra era quella di attaccare il fuoriclasse dei Rockets, “il più debole difensivamente”. Una tattica che, però, non ha portato i risultati sperati, con Harden capace di chiudere l’incontro con due stoppate e di forzare numerose palle perse nel combattutissimo finale dell’All-Star Game.

Harden vs. Antetokounmpo, la risposta del Barba

Il Barba non ha risposto immediatamente alle provocazioni di Antetokounmpo, decidendo di dire la sua in merito nell’intervista con la giornalista di ESPN Rachel Nichols. “Non passo il pallone? Non è divertente. Faccio più assist di lui, quindi non capisco il senso della battuta.”, ha dichiarato Harden in merito alle critiche di Antetokounmpo. Quest’ultimo ha fatto registrare il suo massimo in carriera per assist a partita lo scorso anno (5.9), mentre il primo negli ultimi sette anni non è mai sceso sotto quota 6.1 e nel 2016-2017 è stato il miglior assist man della lega, smazzando 11.2 passaggi vincenti ad allacciata di scarpe.

“Non mi interessano queste cose, quando mi ritirerò la gente mi apprezzerà di più. Vorrei essere anch’io più alto di 2 metri e 10 e limitarmi a correre e schiacciare. Fare queste cose non richiede abilità particolari. Io, invece, ho dovuto davvero imparare a giocare a basket, lavorando ogni singolo giorno. Sinceramente preferisco così.”, ha poi aggiunto Harden per rispondere a Antetokounmpo. Il detentore dell’MVP risponderà all’attuale top scorer della lega? In attesa di eventuali sviluppi della vicenda, i due si ritroveranno faccia a faccia nella notte tra 25 e 26 marzo al Fiserv Forum di Milwaukee per il secondo e ultimo duello in regular season tra Bucks e Rockets.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi