fbpx
Home Mondiali Basket 2019 Kormaz sulla sconfitta contro gli USA: “Fa male perdere così, ma dobbiamo essere orgogliosi e ora testa alla Republica Ceca”

Kormaz sulla sconfitta contro gli USA: “Fa male perdere così, ma dobbiamo essere orgogliosi e ora testa alla Republica Ceca”

di Giovanni Oriolo

Ieri la Turchia ha perso la grande occasione di battere il Team USA in una partita ufficiale di un Mondiale. Certo sappiamo tutti che i 12 ragazzi presenti in Cina non sono i 12 migliori americani (e nemmeno tutti tra i 24), ma gli States rimangono gli States e batterli rimane la vittoria più prestigiosa su un parquet di gioco.

La Turchia dei vari Ilyasova (23 punti e 14 rimbalzi ieri), Osman (15 punti, 4 assist e 2 stoppate) e Korkmaz (16 punti 4 rimbalzi e 2 palle recuperate) ha perso la sfida contro la Nazionale allenata da coach Popovich per un solo punto (93-92), nella seconda partita del girone E. Ai turchi non basta il cuore, il coraggio e un overtime per strappare il match agli USA.

Furkan Korkmaz parla della sconfitta allo scadere contro gli USA e carica i suoi per il match contro la Repubblica Ceca

Nella conferenza stampa di ieri, oltre a coach Ufuk Sarıca, si è presentato la guardia tiratrice dei Philadelphia Sixers Furkan Korkmaz. La 26esima scelta assoluta del draft del 2016 ha commentato la sfida della sua nazionale contro gli Stati Uniti dicendo:

“Quando scendiamo in campo, a noi, non importa chi sia il nostro avversario, perché cerchiamo sempre di essere noi stessi e di fare il nostro gioco. Abbiamo molti un buon mix di giocatori giovane ed esperti e quando entriamo in campo vogliamo battere chiunque sia l’avversario. Gli Stati Uniti hanno giocatori molti forti, in grado di cambiare e spaccare la partita. Oggi aveva il match tra le nostre mani. Dopo questa partita dobbiamo avere più fiducia in noi, ed essere orgogliosi di questo match”

Il 22enne di Istanbul ha poi parlato anche della prossima (e decisiva sfida) contro la Repubblica Ceca:

“Si, fa veramente male perdere così. Quando porti la sfida all’overtime, soprattutto una partita di questo calibro, non importa con quanti punti perdi. Adesso per noi la cosa più importante è lasciare alle spalle questo partita e concentrarsi al massimo sulla prossima contro la Repubblica Ceca. Lì ci giochiamo la qualificazione e non possiamo assolutamente sbagliare”

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi