fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBoston Celtics Free agency Celtics, il punto sul futuro di Hayward e Kanter

Free agency Celtics, il punto sul futuro di Hayward e Kanter

di Francesco Schinea

La prossima off-season si prospetta nuovamente di grande importanza per i Boston Celtics, che dovranno fare i conti con una situazione salariale di certo non ideale. Gran parte dei piani per la free agency 2020 della franchigia dipenderanno dalle decisioni di Gordon Hayward ed Enes Kanter, entrambi chiamati a scegliere se accettare o meno la player option presente nei rispettivi contratti con i Celtics.

“Hayward eserciterà la sua opzione, nessun dubbio”, ha dichiarato un ex dirigente della Western Conference ad Eric Pincus di Bleacher Report. L’ex giocatore degli Utah Jazz non ha mai reso al livello delle aspettative, per lo più perchè rallentato dai problemi fisici che lo tormentano sin dal 2017, anno del suo approdo a Boston. Le sue prestazioni difficilmente consentirebbero a qualunque franchigia di offrire 34.2 milioni di dollari, ovvero la cifra equivalente all’opzione per la prossima stagione presente sul contratto con i Celtics.

Nel corso dell’ultima stagione ha realizzato 17.5 punti, 6.7 rimbalzi e 4.1 assist di media nelle 52 partite disputate. La sua permanenza metterebbe ovviamente spalle al muro la dirigenza, ipotizzando che vengano esercitate anche le opzioni di squadra nei confronti di Daniel Theis, Romeo Langford, Vincent Poirier e Grant Williams. Questo consentirebbe ai Celtics di spendere al massimo 3.6 milioni di dollari per riempire gli altri 6 slot liberi nel roster, in modo da non dover pagare la luxury tax. Con l’opzione di Hayward ed il rinnovo pluriennale di Jaylen Brown saranno impegnati per oltre 140 milioni di dollari. Dovranno, inoltre, negoziare una rookie scale exception con Jayson Tatum, estensione che si prospetta al massimo salariale

A rendere ancor più complicata la situazione è Enes Kanter, la cui opzione prevede 5 milioni per la prossima stagione. Tuttavia il poco spazio trovato dal giocatore turco, sceso in campo per 9.3 minuti di media nei playoffs, potrebbe spingerlo a declinare l’offerta.

“A questo punto sembra più probabile che rifiuti e sondi il mercato”, ha dichiarato Jared Weiss di The Athletic. “C’è comunque la possibilità che entri nel contratto e che i Celtics lo inseriscano in qualche trade durante la notte del draft. Anche se esercitasse l’opzione non c’è dunque la certezza che resti”.

Il futuro prossimo dei Boston Celtics sembrerebbe quindi vicino a delinearsi, con la consapevolezza del fatto che la prossima free agency non sarà caratterizzata da colpi di spessore, ma molto dipenderà dalle decisioni di Hayward e Kanter.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi