Lakers, Magic, Knicks e Pacers, quattro pretendenti per Kemba Walker
139680
post-template-default,single,single-post,postid-139680,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Lakers, Magic, Knicks e Pacers, quattro pretendenti per Kemba Walker

kemba walker

Lakers, Magic, Knicks e Pacers, quattro pretendenti per Kemba Walker

Sarebbero almeno quattro le pretendenti per Kemba Walker, la star degli Charlotte Hornets che diventerà free agent in estate, a partire dal prossimo 30 giugno.

Come riportato da Steve Kyler di Basketball Insiders, Orlando Magic, New York Knicks, Indiana Pacers e Los Angeles Lakers sarebbero interessate al prodotto di UConn, uno dei giocatori più interessanti della prossima tornata di free agent.

l’obiettivo degli Hornets sarà naturalmente quello di trattenere Walker in North Carolina. Il general manager della squadra di Michael Jordan Mitch Kupchak potrà offrire a Kemba Walker un’estensione al massimo salariale da 221 milioni di dollari in 5 anni, estensione cui il giocatore avrà diritto dopo la nomina nel terzo quintetto All-NBA 2019.

Qualora Walker dovesse decidere di lasciare la squadra che lo selezionò con la scelta numero 9 al draft NBA 2011, rinuncerebbe ad una fetta importante dei 221 milioni sopra citati. La situazione salariale degli Hornets permette però a Kupchak ben poco spazio di manovra, con un monte stipendi gravato degli onerosi contratti di Nicolas Batum, Marvin Williams, Bismack Biyombo, Cody Zeller e Michael Kidd Gilchrist.

Walker si è guadagnato in questa stagione la sua terza partecipazione all’All-Star Game in carriera, ma gli Charlotte Hornets hanno mancato per la terza volta consecutiva la qualificazione ai playoffs della Eastern Conference.

Sul mercato dei free agent, Walker appare come la seconda scelta per la posizione di point-guard dietro al solo Kyrie Irving, e davanti a giocatori come D’Angelo Russell dei Brooklyn Nets.

Gli Hornets sono inoltre in attesa di novità da Tony Parker: l’ex star dei San Antonio Spurs ha ancora un anno di contratto, ma starebbe seriamente contemplando il ritiro dopo 18 stagioni.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment