Home NBA, National Basketball AssociationNBA News NBA, sì a un’indagine sulle parole di James Harden su Morey

NBA, sì a un’indagine sulle parole di James Harden su Morey

di Filippo Beltrami
james harden

La situazione Daryl Morey-James Harden non è andata molto giù alla NBA. Come riportato infatti da Adrian Wojnarowski e Ramona Shelburne di ESPN, la lega avrebbe avviato un’indagine riguardante le circostanze che attorniano tutto ciò che è successo tra il giocatore e il presidente delle basketball operations dei Philadelphia 76ers. La NBA starebbe cercando di capire se Harden stesse annunciando di voler saltare l’intera stagione 2023-24, cosa che violerebbe il CBA della lega, oppure se si riferisse a precedenti discussioni contrattuali con i Sixers.

Secondo quanto detto dallo stesso giocatore, i suoi commenti pubblici in cui ha definito Morey un “bugiardo” erano solo una risposta al fatto che il dirigente avesse interrotto le trattative per trovargli una nuova sistemazione poiché credeva che l’ex giocatore dei Nets avrebbe iniziato la stagione con i Sixers. Più specificamente, Philadelphia aveva informato Harden di non aver trovato nessuno scambio fattibile con i Los Angeles Clippers, destinazione preferita del 10 volte All-Star, e che si sarebbe aspettato di vederlo ai training camp. Il 7 volte All-NBA aveva accettato la sua opzione giocatore da 35.6 milioni di dollari con la speranza che Morey e la dirigenza dei Sixers sarebbero poi riusciti a trovare un’intesa con i Clippers.

I motivi per cui l’ex dirigente dei Rockets era molto titubante nel voler scambiare la sua stella, erano le alte probabilità di non ricevere in cambio qualcosa del suo stesso valore e quindi indebolire una franchigia che vuole puntare a competere per il titolo. Ora però Morey rischia di ritrovarsi ai training camp con un James Harden scontento in squadra, il quale che potrebbe rovinare il clima dello spogliatoio e così avere meno valore di quei giocatori che avrebbe potuto ricevere in scambio.

You may also like

Lascia un commento