fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBoston Celtics Boston Celtics KO contro i Pistons, primo tempo da incubo: “Dobbiamo essere più concreti”

Boston Celtics KO contro i Pistons, primo tempo da incubo: “Dobbiamo essere più concreti”

di Michele Gibin

I Boston Celtics lasciano sul campo a Detroit una partita alla portata, contro i modesti Pistons senza la star Blake Griffin, ma una partenza falsa condanna la squadra di coach Brad Stevens.

Alla Little Caesars Arena di Detroit, Pistons-Celtics termina 96-93 per Derrick Rose e compagni, Boston segna soli 12 punti nel primo quarto (27-12) ed è costretta a giocare di rincorsa per l’intera partita. Detroit trova aprima vittoria in stagione dopo 4 sconfitte di fila grazie ai 17 punti in 24 minuti di Rose e all’ottima prova del rookie Saddiq Bey, lanciato in quintetto base da coach Dwane Casey e che chiude con 17 punti e 5 su 8 al tiro da tre. Per i Celtics una serata da incubo al tiro dalla lunga distanza (8 su 31) e anche ai tiri liberi dove non fanno meglio di 7 su 14, sono 19 le palle perse di squadra con l’assenza di Kemba Walker che si fa sentire.

Sotto canestro le cose non vanno meglio, con Mason Plumlee che ha buon gioco con 17 rimbalzi a fine gara cntro Tristan Thompson e Daniel Theis. Il migliore in campo per Boston è Jaylen Brown che chiude con 25 punti e 9 rimbalzi, ma che fatica ancora al tiro dalla lunga (1 su 9) e sbaglia nei secondi finali dall’angolo una delle tante occasioni per pareggiare la partita.

Dopo una partenza lentissima, i Celtics rimontano lo svantaggio ma termiinano le energie nel finale: Boston sbaglia gli ultimi 10 tiri e non segna per quasi 5 minuti, il quarto periodo finisce 20-17 per i Celtics ma non basta. Marcus Smart ha il pallone del sorpasso sul -2 a 27 secondi dal termine ma il suo tiro da tre punti è affrettato e sbagliato, così come un ultimo tentativi a 5 dal termine. Per Smart una prova da 13 punti e 9 rimbalzi, ma 5 su 14 al tiro e 4 palle perse.

Delusione Boston Celtics dopo il KO a Detroit: “Dobbiamo essere più solidi”

A fine partita non c’è motivo di nascondere la delusione in casa Celtics: “Dobbiamo iniziare meglio le partite, saper indirizzare la gara per chi esce dalla panchina, e tocca ai più esperti di noi. Nel secondo tempo abbiamo giocato con più fuoco e molto più duro, ci siamo dati una chance per vincere. Abbiamo sbagliato troppi tiri“, così Jayson Tatum, autore di una prova da 24 punti ma 11 su 24 al tiro, “Ci siamo scavati una buca all’inizio”.

Nel primo tempo è Jerami Grant a punire i Celtics: l’ex giocatore dei Denver Nuggets non tira bene (9 su 24 al tiro) ma chiude con 24 punti, di cui 18 nella prima metà. A fne partita è Derrick Rose a mettere i punti decisivi per tenere lontana Boston, assieme a Bey che segna 4 triple nel solo secondo tempo.

I Boston Celtics sono ora 3-3, e attendono che il rientro di Kemba Walker, ancora out per un problema al ginocchio sinistro, possa facilitare le cose in attacco. “La NBA è questa, non si tratta di fare bene una volta ogni tanto ma di essere continui, consistenti, abbiamo in squadra tanti giovani che stanno imparando a giocare nella NBA, dobbiamo continuare a spingere e trovare più continuità,e andrà bene“, dice Jaylen Brown.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi