fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News OKC, Danilo Gallinari acquista kit di tamponi e mascherine per medici e infermieri

OKC, Danilo Gallinari acquista kit di tamponi e mascherine per medici e infermieri

di Michele Gibin

Danilo Gallinari coopererà con il dipartimento di sanità pubblica della Contea di Oklahoma City per l’acquisto di 400 kit per il tampone diagnostico per il coronavirus Sars-CoV2, e di camici monouso, mascherine N95, guanti e maschere facciali per gli operatori sanitari, che anche negli Stati Uniti scarseggiano con l’avanzare del contagio su tutto il territorio nazionale.

Solo la settimana scorsa, Danilo aveva ricevuto assieme ai suoi compagni l’esito per fortuna negativo del test, tampone necessario dopo i fatti dello scorso 11 marzo con la positività di Rudy Gobert degli Utah Jazz e la partita annullata a pochi minuti dalla prima palla a due, Gallinari aveva raccontato a Marc Stein del NY Times di come avesse raccontato ai compagni di quanto stesse accadendo in Italia, il primo paese europeo toccato dall’epidemia, ed in un certo modo preparato i suoi compagni di squadra.

Sappiamo che c’è bisogno di test e protezioni per i medici e le persone in prima linea, per cui quelli che come me possono dare una mano, è la cosa giusta da fare“, così Gallinari a Royce Young di ESPNSto cooperando con le istituzioni locali e siamo riusciti a organizzarci, anche dalla quarantena. Purtroppo, sapendo cosa sta accadendo sia in Italia che in Francia, grazie alla mia famiglia, so già cosa ci aspetta anche qui e possiamo evitare alcuni dei problemi che ci sono stati, a OKC ed in tutto il paese“.

La NBA è stata la prima delle grandi leghe sportive USA a chiudere i battenti, seguita immediatamente da NHL e NCAA, con la Major League Baseball che poi optato per rinviare l’inizio dei training campo a data da destinarsi. “Credo che la NBA e Adam Silver abbiano reagito presto e bene, senza perdere tempo passando prima dalle porte chiuse. Era la cosa giusta da fare, per noi giocatori è stato difficile, con la quarantena partita proprio da quella sera“.

Questa cosa non se andrà in poche settimane, durerà mesi ma anche qui negli USA abbiamo la possibilità di contenere. E’ importante rispettare le norme, e chi può come sto facendo io potrà dare una mano su tutto il territorio“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi