fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Gentry e gli altri su Zion Williamson: “Il suo ritorno farà bene alla NBA”

Gentry e gli altri su Zion Williamson: “Il suo ritorno farà bene alla NBA”

di Giovanni Oriolo

Zion Williamson si sta preparando per il suo debutto NBA che avverrà la prossima settimana nella sfida contro gli Spurs. Con il ritorno di Williamson, i dirigenti della NBA ipotizzano una crescita degli ascolti, attualmente in forte calo, caduta dovuta anche, ma non solo, per via dei i lunghi infortuni di diverse stelle come Durant, Curry, Thompson, Oladipo, Gasol e Irving (che è rientrato da poco).

Coach Gentry è convinto che Zion Williamson possa cambiare la NBA come Doncic

Intervistato mercoledì sera, Alvin Gentry, coach dei New Orleans Pelicans, ha parlato del rientro della sua stella ai microfoni di Vincent Goodwill di Yahoo Sports:

Penso che l’intera lega ha bisogno di lui, non solo noi. Perché Zion Williamson ha una grande personalità e può portare grandi cambiamenti al gioco. Lui è un tipo diverso di giocatore, direi unico. Un po’ come Doncic, in pratica. Loro hanno un modo di giocare e un impatto sulle partite che gli altri ragazzi non hanno

Gli ascolti di questa stagione NBA sono diminuiti complessivamente di quasi il 15% rispetto alla scorsa stagione e anche grandi eventi come il Christmas Day o l’All-Star Game sono in calo di anno in anno. La NBA sta pensando a un modo per risolvere questo problema degli ascolti che si verifica in regular season. Le opzioni più credibili sono: il taglio di alcuni degli 82 match stagionali e l’introduzione di un torneo a metà stagione, magari con una scelta in palio.

Zion Williamson, la sua assenza sta infierendo pesantemente sugli ascolti della regular season

Nell’articolo che riporta l’intervista di Gentry vengono riportate anche le dichiarazioni di alcuni executive NBA: l’assenza di Zion Williamson ha giocato un ruolo importante nel calo degli ascolti NBA. Questo perché la lega ha puntato molto sull’attesa che l’ex Duke ha creato ancora prima di approdare nella NBA (non si aspettava e parlava così tanto di una prima scelta dai tempi di LeBron James). “Gran parte delle partite dei Pelicans sono state trasmesse in diretta nazionale solo perché la lega voleva mostrare a tutti Zion e le sue giocate. Quindi, la sua assenza, ci ha fatto molto male. I suoi compagni non sono riusciti a compensare la sua assenza, ciò ha danneggiato gli ascolti“.

Chissà se, ora che Williamson è pronto a rientrare, vedremo salire gli ascolti e se il ragazzo dimostrerà di valere tutta l’attesa, l’hype che si era creato intorno a lui quest’estate.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi