fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Il giallo su un autografo di Vince Carter: ecco cosa è successo sui social

Il giallo su un autografo di Vince Carter: ecco cosa è successo sui social

di Francesco Catalano

Nelle ultime ore Vince Carter è stato protagonista di un episodio divertente su Twitter riguardo la sua esperienza ai Toronto Raptors. Infatti, in queste ultime settimane in cui tutto il pianeta è bloccato a causa della diffusione del coronavirus, si stanno portando avanti numerose iniziative per intrattenere il pubblico e i tifosi.

Una delle ultime è stata indetta dallo staff di The Athletic. Ha suggerito, infatti, ai tifosi di postare sulla loro pagina twitter tutte i memorabilia e i cimeli che hanno collezionato nel tempo.

Tra tutti i cimeli, c’era anche un poster dei Toronto Raptors risalente al 1998. Ovvero, l’anno in cui Vince Carter è stato scelto come quinto assoluto al draft dalla franchigia canadese. In quell’anno furono scelti anche Dirk Nowitzki e Paul Pierce, rispettivamente con la nona e la decima scelta.

Il poster dei Raptors in questione è stato acquistato dal tifoso che l’ha acquistato in un’asta per la cifra di 125 dollari. Nella descrizione del prodotto sottolineava come l’autografo presente sopra la foto fosse proprio quello di Vince Carter.

Non è tutto però: la presunta firma di Carter sul poster trova due sostituti

Tuttavia, è arrivata una brutta notizia per il tifoso. Infatti, proprio Carter attraverso il suo profilo, ritwittando il post, ha sottolineato come la firma non fosse sua. “Odio essere il portatore di brutte notizie, ma quello non è il mio autografo. E’ la firma di Alvin Williams”.

Ma il mistero non finisce qui. Il poster infatti è finito anche sotto gli occhi del citato Williams che ha voluto aggiungere alla storia un altro tassello. “Non è la mia firma. Sembra quella di John Wallace” . Quest’ultimo però non ha confermato se l’autografo fosse realmente il suo.

Così il tifoso in questione è rimasto senza un effettivo proprietario della sua firma. E, di certo, senza quella di Vince Carter. Alvin Williams e  John Wallace in confronto sono giocatori che non verranno ricordati nella storia del basket: erano normali giocatori di ruolo. Al contrario, Carter verrà ricordato come uno dei pilasti della NBA e come il giocatore più longevo di essa (almeno per ora). E probabilmente in futuro farà parte della Hall Of Fame.

Inutile dire che quel poster ha perso quasi tutto il suo valore.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi