I Miami Heat sono fuori dai playoffs, Dwyane Wade saluta il suo pubblico
136000
post-template-default,single,single-post,postid-136000,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Heat fuori dai playoffs, Wade ai saluti: “Grazie per quest’ultimo ballo insieme”

Heat fuori dai playoffs, Wade ai saluti: “Grazie per quest’ultimo ballo insieme”

I Miami heat sono ufficialmente fuori dalla lotta playoffs nella Eastern Conference. La vittoria dei Detroit Pistons contro i Memphis Grizzlies vanifica i 30 punti segnati da Dwyane Wade ed il 122-99 con cui i Miami Heat hanno battuto dei rimaneggiati Philadelphia 76ers.

Saranno Pistons (40-41) e Charlotte Hornets (39-42) a giocarsi dunque l’ottavo ed ultimo posto nella Eastern Conference, con gli uomini di coach Dwane Casey in vantaggio di una gara su Kemba Walker e compagni e padroni del proprio destino.

Gli Heat regolano senza problemi dei 76ers privi di Joel Embiid (riposo) e con la testa alla post-season ed al primo turno di playoffs, che li vedrà affrontare una tra Brooklyn Nets ed Orlando Magic. Nel giorno in cui anche Dirk Nowitzki annuncia il suo ritiro al termine della stagione, Dwyane Wade chiude la sua ultima partita casalinga con 30 punti in 34 minuti, partendo eccezionalmente in quintetto base: “Non c’era nemmeno da discuterne” Racconta coach Erik Spoelstra “Era doveroso… mi è sembrato di tornare indietro al 2008, è stato davvero un bel momento“.

L’ultimo show di Wade nella sua American Airlines Arena inizia con un lungo video-tributo.

Zaire, figlio di Dwyane e talento mancino in erba, introduce e chiama dunque al centro del campo il padre per un omaggio al pubblico di casa, che lo accoglie con un coro di “MVP, MVP”.

State cercando di farmi piangere prima della partita… vi voglio davvero bene ragazzi, sono grato per questo momento, e sono grato per questa stagione. Quest’anno si è parlato ovviamente molto di me, e questo lo ho apprezzato davvero tanto, ma a tutti i miei compagni (li elenca uno ad uno, ndr) dico: grazie per aver ballato con me quest’ultimo ballo, grazie per la pazienza, per l’affetto, per la generosità. Questa è stata la mia stagione e sono felice di averla vissuta con dei fratelli al mio fianco. Grazie, Heat Nation!

Tra i tanti omaggi video riservati a Wade prima e durante la gara, quello dell’ex compagno di squadra ed amico fraterno LeBron James, di Shaquille O’Neal, di Udonis Haslem, di Pat Riley e quello dell’ex Presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

I Miami Heat chiuderanno al Barclays Center di Brooklyn contro i Nets una stagione in parte deludente, per una squadra che – roster alla mano – avrebbe potuto ambire ad una posizione di classifica più nobile.

Alcuni infortuni, tra cui il lungo stop di Goran Dragic ed il recente guaio muscolare di Josh Richardson hanno via via minato le possibilità di playoffs della squadra.

Giunto alla sua 16esima stagione NBA, il 37enne Dwyane Wade si è dimostrato una guida e presenza costante in campo per i suoi Heat, viaggiando a quasi 15 punti ed oltre 4 assist di media a a partita, in 71 gare disputate.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment