fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News “Diversi giocatori NBA” contro l’inizio della stagione il 22 dicembre: meglio il MLK Day

“Diversi giocatori NBA” contro l’inizio della stagione il 22 dicembre: meglio il MLK Day

di Michele Gibin

Lo aveva anticipato Michele Roberts a USA Today, lo confermerebbero i giocatori NBA stessi: il 22 dicembre non è una data realistica per l’inizio della stagione 2020\21.

Come riportato da Chris Haynes di Yahoo Sports, “una parte considerevole” di giocatori chiederebbe di iniziare la stagione non prima del prossimo 18 gennaio, quando negli Stati Uniti cadrà il Martin Luther King Day, giorno solenne negli Stati Uniti in cui si celebra la figura del leader del movimento per i diritti civili negli States.

I giocatori avrebbero indicato nel 1 dicembre come prima data utile per iniziare invece la free agency 2020. Come noto, NBA e board of governors avevano delineato la scorsa settimana i piani di massima per un inizio già per il 22 dicembre 2020, con la free agency che dovrebbe iniziare non più di due o tre giorni dopo il draft del 18 novembre.

In una intervista di martedì, la Roberts aveva chiesto alla NBA date e tempi certi per i giocatori, e soprattutto tempo per gli atleti che sono stati impegnati fino a settembre inoltrato e ottobre a Orlando, per recuperare dopo una stagione lunghissima e spezzata in due tronconi dalla pandemia.

Pochi giorni fa, Danny Green dei Los Angeles Lakers aveva avanzato l’ipotesi che altri veterani, in primis LeBron James, avrebbero potuto decidere di saltare l’inizio della stagione 2020\21 se questo fosse arrivato – nell’ottica dei giocatori – troppo presto.

L’obiettivo di NBA e proprietari sarebbe quello di sfruttare la finestra delle festività natalizie per lanciare la nuova stagione, e completarla in tempo per salvare le Olimpiadi di Tokyo e la partecipazione dei giocatori NBA al torneo a cinque cerchi.

L’ipotesi Martin Luther King Day era stata tra le prime ad essere avanzate, prima del deciso cambio di passo verso un inizio a fine dicembre. I tempi per procedere però diventano sempre più stretti, con un accordo tra le parti (NBPA compresa) che dovrà arrivare entro la fine di ottobre-inizio novembre per “salvare il Natale” NBA 2020.

Ad oggi non è inoltre ancora noto a quanto ammonterà il salary cap per la stagione NBA 2020\21, un dato importante se si considera che gli stipendi dei giocatori sono calcolati in percentuale rispetto al monte salari massimo (il famoso “tetto salariale”).

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi