Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBoston Celtics Jayson Tatum sbaglia tutto poi si riscatta, Celtics e Sixers a gara 7

Jayson Tatum sbaglia tutto poi si riscatta, Celtics e Sixers a gara 7

di Michele Gibin
celtics sixers

Sbagliare tutto per tre quarti e poi risolvere gara 6 in trasferta e con la propria squadra sull’orlo dell’eliminazione, è quello che ha fatto Jayson Tatum con i Boston Celtics, contro i Philadelphia 76ers.

Al Wells Fargo Center di Phila, gara 6 tra Celtics e Sixers termina 95-86, Tatum segna 16 dei suoi 19 punti totali nel quarto periodo, con 4 triple a bersaglio in una partita in cui aveva iniziato con 1 su 13 dal campo. I suoi canestri lo riscattano, completano l’opera iniziata da Marcus Smart e Malcolm Brogdon e mandano la serie a gara 7, in programma al TD Garden di Boston.

Smart segna 21 punti, Brogdon dalla panchina ne aggiunge 16 e Robert Williams III, lanciato in quintetto base da coach Joe Mazzulla, risponde con 10 punti, 9 rimbalzi, 2 stoppate e tanta presenza difensiva soprattutto nel primo tempo.

I 76ers partono male, andando sotto per 15-3 al via e poi ancora sul 37-24 Boston a inizio secondo quarto, quando i Celtics sembrano non poter sbagliare mai (Tatum a parte) al tiro da tre punti con Brogdon, Smart e Derrick White. Poi le percentuali si raffreddano, Philadelphia inizia a rosicchiare punti con Tyrese Maxey e Joel Embiid e a metà del terzo periodo si porta persino avanti nel punteggio (69-65 con un tripla di Georges Niang dall’angolo, il momento migliore di gara 6 per i Sixers).

Il momento decisivo di gara 6 arriva a 6 minuti dal termine ed è una svolta secca, impressa da Jayson Tatum. Con 2 tiri liberi frutto di un take foul a metà campo, Maxey fa 83-81 76ers e l’inerzia della partita sembra andare verso gli uomini di Doc Rivers.

Phila sbaglia però le successive due conclusioni con De’Anthony Melton, non proprio l’uomo che ti aspetti col pallone in mano in un momento simile, e presta il fianco ai Celtics. Jayson Tatum segna 6 punti in 40 secondi e i Celtics sono avanti per 87-83 a 3:35 dal termine. I Sixers accusano il colpo, James Harden perde due palloni e Joel Embiid sbaglia dalla media distanza, gli ultimi “chiodi sulla bara” li mette ancora Tatum con altre due triple quando ormai Philadelphia ha staccato mentalmente.

Embiid e Maxey segnano 26 punti a testa, ma i Sixers hanno poco o nulla dagli altri, eccezion fatta per un generoso PJ Tucker. James Harden, così efficace nelle ultime due partite della serie, incappa nella “solita” partita da 4 su 16 al tiro, senza mai segnare da tre e con 5 palle perse a fronte di 9 assist. Il Barba ha qualche momento brillante, anche in difesa con 3 recuperi e tanti palloni sporcati, ma la sua partita è insufficiente nel momento più importante della stagione per i suoi.

Sarebbe stata una clamorosa insufficienza, un flop totale la gara 6 di Jayson Tatum senza quella fiammata degli ultimi 6 minuti, il numero 0 di Boston ci aggiunge anche 9 rimbalzi e 6 assist che compensano le 4 palle perse, sono 2 le stoppate. Jaylen Brown segna 17 punti con 6 rimbalzi e 4 assist ma tende a farsi da parte in attacco nel finale, dove le gerarchie sono chiare a Boston: Tatum e Smart gestiscono possessi e fortune dei biancoverdi.

In gara 6, come spesso in passato, ha detto bene ai Celtics che evitano l’eliminazione e come lo scorso anno al secondo turno forzano una gara 7 da giocare in casa, vantaggio tutt’altro che marginale.

Philadelphia ha già vinto due volte al TD Garden in questa serie, l’occasione persa è grande e occorrerà decisamente di più da parte di Harden e giocatori come Tobias Harris. Joel Embiid gioca una buona gara 6 soprattutto in difesa, ma finisce male come la sua squadra: anche il neo MVP sarà chiamato a ben altra prestazione.

You may also like

Lascia un commento