Jerry West: "I Clippers sono la miglior franchigia in cui abbia mai lavorato"
144097
post-template-default,single,single-post,postid-144097,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Jerry West: “I Los Angeles Clippers sono la miglior franchigia in cui abbia mai lavorato”

Jerry West-clippers

Jerry West: “I Los Angeles Clippers sono la miglior franchigia in cui abbia mai lavorato”

Jerry West, consulente per i Los Angeles Clippers, ha recentemente rilasciato un’intervista al Dan Patrick Show. Ha affermato come la franchigia californiana sia la migliore per cui abbia mai lavorato. Ha speso solo buone parole per il proprietario Steve Ballmer. Il motivo? Cercherebbe di reclutare i migliori uomini possibili senza che il prezzo possa influenzare le sue scelte. Il fatto che West abbia dato così tanto merito a una franchigia per cui sta lavorando da poco è piuttosto sorprendente. L’ha posta, infatti, al di sopra di altre con cui si è tolto diverse soddisfazioni durante la sua carriera.

Jerry West in un ambiente di lavoro perfetto

Jerry West può vantare una carriera importante sia da giocatore che da dirigente. Sul parquet ha vinto un anello nel 1971-1972, con i Los Angeles Lakers. Da dietro una scrivania, come General Manager, ne ha vinti sei, sempre con i giallo-viola. Negli anni 1987 e 1988 i Lakers diventarono i primi a vincere il titolo per due anni di fila, dopo i Boston Celtics degli anni 1968 e 1969.

West ha vinto il premio di “NBA Executive of the Year” nel 1995, grazie alla firma del free-agent Shaquille O’Neal e dello scambio volto ad arrivare al rookie Kobe Bryant. Ha ottenuto lo stesso riconoscimento nel 2004 con i Memphis Grizzlies, ricostruendo la squadra quasi dal nulla, portandola a quota 50 vittorie nella stagione regolare.

Nella free-agency appena consumatasi, il consulente dei Clippers ha portato la squadra di L.A. a candidarsi tra le favorite per la prossima stagione. Ha ottenuto Paul George tramite uno scambio con gli Oklahoma City Thunder, cedendo Shai Gilgeous-Alexander, Danilo Gallinari e una serie di scelte al primo giro, e il vincitore del premio MVP delle Finals 2019 Kawhi Leonard, free-agent. Ha plasmato così una delle squadre difensivamente più efficaci della lega. I Clippers vanteranno in roster ben 11 apparizioni nei quintetti All-Defensive della lega, da attribuirsi a Paul George (con quattro selezioni), Kawhi Leonard (vincitore per due volte del premio di “Defensive Player of the Year” e scelto cinque volte per i quintetti All-Defensive) e Patrick Beverley (con due apparizioni).

Con l’aiuto di West, si è riusciti a far fare un salto di qualità a un roster con basi già solide, che era riuscito a strappare due vittorie contro i Golden State Warriors al primo round degli ultimi playoffs. Ora, aggiunte due stelle decisive da entrambi i lati del campo, i miglioramenti della squadra di Coach Doc Rivers saranno, con ogni probabilità, evidenti ed immediati.

Federico Ferri
Freelight31@gmail.com
No Comments

Post A Comment