fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Amar’e Stoudemire è ottimista per un suo ritorno in NBA

Amar’e Stoudemire è ottimista per un suo ritorno in NBA

di Devid Cimarelli

Amar’e Stoudemire si allena a Las Vegas durante la Summer League: il giocatore pronto al grande ritorno in NBA? Aveva lasciato la lega alla fine della stagione 2015-16. Ad oggi, sembrerebbe ci sia interesse di riaccoglierlo da parte di diverse squadre. Dopo essere stato scelto alla numero 9 del primo turno del Draft 2002 dai Phoneix Suns, aver vinto il “Rookie of the year” e vestito le maglie dei Miami Heat, Dallas Mavericks e New York Knicks, aveva chiuso la sua carriera la sua carriera con ottime statistiche. Le sue medie sono state di circa 19 punti ed 8 rimbalzi ad allacciata di scarpa, numeri veramente importanti considerandone il declino negli anni finali della carriera.

Subito dopo il ritiro ci aveva però ripensato, andando a giocare in Israele e prendendone anche la cittadinanza. Era approdato all’Hapoel Gerusalemme B.C., di cui è diventato proprietario, e che era allenata, all’epoca, da una nostra conoscenza: Simone Pianigiani. Qui aveva vinto il campionato israeliano e la coppa di lega, dominando.

Un’ultima possibilità per un ritorno in NBA per Stoudemire?

Finita l’avventura in Israele, ormai la sua carriera cestistica sembra terminata, salvo una piccola parentesi nel BIG3, un campionato estivo promosso e organizzato dal rapper Ice Cube. Tuttavia,  Stoudemire vuole tornare a calcare i parquet più importantiGià qualche settimana fa si era parlato della sua voglia di rimettersi in gioco e della possibilità concreta di alcuni work-out privati con diverse franchigie.

Il veterano si era già detto pronto ad unirsi a squadre con giovani in roster, nei confronti dei quali svolgere un ruolo di chioccia. Aveva anche affermato di come l’esperienza possa trasformare una squadra da playoffs in una da titolo. Le possibilità di rivedere quel numero 1 e quegli occhiali su un parquet NBA ci sono. Lo stesso giocatore ha ammesso di ben quindici squadre presenti ai suoi allenamenti privati. Non ci resta che aspettare un’eventuale offerta da parte di qualche franchigia che abbia bisogno di lui.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi