fbpx
Home Mondiali Basket 2019 J.R. Holden incorona Bogdan Bogdanovic: “Farà grandi cose, è speciale”

J.R. Holden incorona Bogdan Bogdanovic: “Farà grandi cose, è speciale”

di Michele Gibin

J.R. Holden l’americano di Russia che ha fatto la storia del CKSA Mosca e vinto un Europeo nel 2007 con un memorabile tiro alla scadere contro la Spagna, non ha dubbi: per Bogdan Bogdanovic il bello deve ancora venire.

Holden è oggi uno scout internazionale per i Detroit Pistons, e non nasconde la sua ammirazione per il talento della guardia serba: “E’ una ragazzo che ha le potenzialità per fare qualcosa di speciale, sta arrivando solo ora al vertice della sua carriera, ed in più ha tanta esperienza europea e gioca da professionista da tantissimi anni. Il suo gioco mi piace tantissimo, ha pochi difetti: non è solo un tiratore, o solo un creatore di gioco… fa un po’ di tutto in campo“.

Dopo tre stagioni ad alto livello al Fenerbahce, Bogdan Bogdanovic ha deciso di oltrepassare l’oceano e volare ai Sacramento Kings, la squadra che ne deteneva i diritti dal draft NBA 2014 (scelta originale dei Phoenix Suns). In due anni a Sacramento, l’ex Partizan Belgrado si è imposto come uno dei giocatori più importanti nelle rotazioni di coach Dave Joerger, giocando alternativamente da poiint-guard aggiunta ad ala piccola.

Bogdanovic ha chiuso la sua seconda annata NBA a 14.1 punti, 3.8 assist e 3.5 rimbalzi a partita in 70 gare disputate prevalentemente in uscita dalla panchina: “La cosa che più impressiona è che (Bogdanovic, ndr) sembra non avere punti deboli. Qualcuno direbbe la difesa, ma anche lì ha fatto progressi. Si, sono un tifoso di Bogdan Bogdanovic: sa giocare lontano dalla palla, giocare da point guard e segnare“.

Il serbo sarà assieme a Nikola Jokic il leader tecnico della fortissima Serbia che ai Mondiali sarà avversario nelle prima fase dell’Italia di Meo Sacchetti. I test pre-Mondiali hanno visto in campo un Bogdanovic a tratti dominante in attacco, in una squadra dal talento illimitato (Boban Marjanovic, Nemanja Bjelica, Miroslav Raduljca, Marko Guduric dei Memphis Grizzlies) nonostante l’assenza di Milos Teodosic.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi