Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsIndiana Pacers Ai Lakers la prima NBA Cup, LeBron MVP. Davis: “Ora testa a giugno”

Ai Lakers la prima NBA Cup, LeBron MVP. Davis: “Ora testa a giugno”

di Michele Gibin
lakers-in-season-tournament-nba-cup

I Los Angeles Lakers hanno vinto la prima edizione della NBA Cup e dell’in-season tournament, battendo in finale gli Indiana Pacers per 123-109 alla T-Mobile Arena di Las Vegas con 41 punti e 20 rimbalzi di Anthony Davis.

LeBron James, autore di una doppia doppia da 24 punti con 11 rimbalzi, è stato nominato MVP del torneo.

Contro una squadra che difende meglio e in modo più organizzato rispetto ai Milwaukee Bucks battuti in semifinale, gli Indiana Pacers sembrano “solo” una squadra giovane e di belle speranze, e Tyrese Haliburton molto forte ma non la seconda venuta di Magic Johnson sulla terra. I Lakers si impongono fisicamente dal secondo quarto in poi sulla partita, vogliono attaccare l’area e i lunghi dei Pacers e ci riescono, la squadra di coach Darvin Ham domina a rimbalzo (55-32) e si guadagna 35 tiri liberi, anche a costo di qualche palla persa in più (18) alla fine.

Davis vive nell’area dei tre secondi di Indiana, chiude anche con 4 stoppate in 41 minuti con 16 su 24 dal campo e 9 su 13 ai tiri liberi. Con AD i Lakers si guadagnano tanti possessi extra, i Pacers dal canto loro provano a correre come fatto contro Milwaukee ma in campo non ci sono i Bucks bensì una squadra più accorta, che non si fa infilare con 3-4 uomini dietro la linea della palla in contropiede. Haliburton e compagni tirano poi male da tre punti (10 su 41) e così diventa tutto più difficile, nel terzo periodo i Lakers toccano la doppia cifra di vantaggio (74-63).

Austin Reaves segna 28 punti dalla panchina, di cui 21 nel solo primo tempo, i Lakers non tirano da tre (2 su 13) perché non ne hanno bisogno, la partita si vince altrove, sotto le plance e in difesa. Indiana chiude con il 36.8% dal campo, per Tyrese Haliburton una prova da 20 punti con 11 assist e 3 palle perse, Myles Turner va sotto contro Anthony Davis e gioca soli 25 minuti con 6 falli a carico.

A risolvere la partita è un parziale di 13-0 ispirato da 10 punti di fila di Davis, nel quarto periodo e che ricaccia Indiana idnietro sul 115-99.

Io e LeBron giochiamo assieme ormai da 5 anni, ci conosciamo bene e sappiamo bene come ci piace giocare. E nei finali abbiamo i nostri pick and roll cui affidarci sempre. Sappiamo come accenderci a vicenda, oggi è toccato a me, giovedì invece era stato LeBron“, ha detto AD. “Oggi i miei compagni hanno reso possibile la mia prestazione, e per noi vincere la prima edizione del torneo devo dire che è speciale. Ma noi guardiamo a giugno”, alle NBA Finals. “E’ decisamente un passo nella direzione giusta, da giovedì si riprende a camminare“.

LeBron James ha aggiunto alla sua bacheca di trofei e premi, già ben fornita, anche il premio di MVP dell’NBA in-season tournament inaugurale. In un certo senso è quasi logico che sia stato lui a “bagnare” l’esordio della novità voluta da Adam Silver, da volto della NBA per eccellenza. Di MVP della regular season, LeBron ne ha già vinti quattro, non pensa a un quinto ma sa che se i Lakers dovessero arrivare in alto a Ovest, potrebbe diventare una possibilità. “Non pensavo di vincere l’MVP qui, siamo all’inizio di questa cosa e ci saranno altri record, e numeri. Però ci sarà sempre la cosa di essere stato il primo, e che noi siamo stati i primi a vincerlo e questo non ce lo leverà nessuno. Farlo qui, giocando per una franchigia storica come i Lakers e un grande gruppo di ragazzi che giocano, si impegnano e si divertono, è bellissimo“.

You may also like

Lascia un commento