fbpx
Home NBANBA TeamsGolden State Warriors LeBron James: “La schiacciata di Kobe? Non era voluta, bellissimo”

LeBron James: “La schiacciata di Kobe? Non era voluta, bellissimo”

di Michele Gibin

I Los Angeles Lakers rovinano la serata del debutto di Andrew Wiggins in maglia Golden State Warriors, violando per 125-120 il Chase Center con una grande prestazione balistica e mandando ben 7 uomini in doppia cifra per punti.

LeBron James chiude la sua gara con una doppia doppia da 22 punti e 11 assist (con 7 palle perse), Anthony Davis aggiunge 27 punti con 10 rimbalzi e 3 recuperi difensivi. Dalla panchina, Kyle Kuzma, Dwight Howard e Rajon Rondo combinano per 35 punti, 14 rimbalzi e 10 assist.

Avery Bradley trova dal canto suo la sua miglior partita in maglia Lakers, con 21 punti e 5 su 7 al tiro da tre.

Con la vittoria di sabato a San Francisco, i Lakers tengono a distanza di sicurezza gli arrembanti Denver Nuggets, ora due partite di distacco per la vetta della Western Conference. LeBron James si dice soddisfatto nel post partita, evidenziando le troppe palle perse come un problema da risolvere: “Oggi abbiamo avuto alcuni passaggi a vuoto, io personalmente con 7 palle perse. Troppe, devo fare meglio e mi scuso con i miei compagni. La tripla per chiudere la partita? Io non decido a priori cosa fare in campo, si tratta di leggere la difesa ed infilarsi negli spazi che ti concede, mi sono preso il mio tempo con lo step back, è entrata. Nel quarto quarto abbiamo un po’ smesso di giocare, gli abbiamo concesso troppi tiri da tre punti e le palle perse non hanno aiutato“.

View this post on Instagram

⬆️⬇️ Los Angeles in chiaro scuro nella serata di sabato: le franchigie della città delle stelle rimediano una vittoria ed una sconfitta. I Lakers vincono, seppur a fatica, contro i Golden State Warriors, guidati dal solito duo Davis-James (doppie doppie per entrambi da 27 punti e 11 rimbalzi e 22 punti e 11 assist). I Clippers, al contrario dei cugini, crollano contro Minnesota, rimediando una bruciante sconfitta contro una squadra ancora rimaneggiata dalle recenti trade. Se ad inizio stagione la franchigia di Leonard e soci appariva più avanti dei blasonati gialloviola, ora i rapporti di forza sembrano invertiti, aldilà della posizione in classifica di Conference. Chi farà meglio secondo voi? @tom_ranieri ° ° ° ° #nbapassion #losangeleslakers #clippers #nba #nbaseason

A post shared by NBA Passion (@nbapassion_com) on

I Golden State Warriors hanno segnato 36 punti nel solo quarto periodo, guidati da Wiggins e da un Marquese Chriss da 26 punti e 9 rimbalzi, e sono riusciti a tornare a due possessi di distanza a circa 20 secondi dal termine. Un tiro da tre punti in isolamento di James ha definitivamente chiuso la porta in faccia ai padroni di casa.

LeBron James: “La schiacciata di Kobe? Non era voluta”

Nel post partita, LeBron James ha commentato la clip diventata virale sul web dopo la partita di giovedì contro gli Houston Rockets, che ritrae il numero 23 dei Lakers eseguire in contropiede una schiacciata identica a quella eseguita in una partita contro i Sacramento Kings del 2001 da Kobe Bryant.

La clip è stata montata da Josh Williams, della squadra video dei Lakers, ed rapidamente sfondato quota 20 milioni di visualizzazioni. La schiacciata di LeBron James è parsa talmente simile a quella di Bryant da far pensare ad un omaggio di James all’ex superstar dei Lakers.

Non era mia intenzione in realtà, non l’ho deciso a tavolino“, Spiega LeBron “Ho saltato e deciso in aria cosa fare, in effetti è incredibile come mi sia riuscita la stessa identica schiacciata, uguale a quella di Kobe di quanti, 19 anni fa? Il nostro team social media ha messo insieme quella fantastica clip… Kobe è nei cuori di tutti noi“.

Video e foto dal basso dello storico fotografo NBA Andrew Bernstein che hanno fatto il giro del mondo in pochi minuti, rilanciate su social media e testate: “Quando l’ho vista ho pensato subito a quanto bella fosse. Poi ho rivisto il video, e si vede esattamente il momento del flash dello scatto: un tentativo solo, mentre ero in aria… Andy (Bernstein, ndr) è il vero MVP. Sono contento, avere anche questo momento come parte della mia carriera, poterlo correlare alla memoria di Kobe ed averlo vissuto in maglia Lakers e davvero bello“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi