fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Clippers La NBA indaga sulla fuga da Orlando di Lou Williams dopo la foto su Instagram

La NBA indaga sulla fuga da Orlando di Lou Williams dopo la foto su Instagram

di Michele Gibin

La NBA vuole vederci chiaro sulla fuga dalla bolla NBA di Lou Williams, uomo chiave dei Los Angeles Clippers che giovedì aveva ottenuto un permesso per tornare a casa per motivi personali.

La lega consiglia a chiunque tra giocatori e staff che abbandoni temporaneamente il campus di Orlando, Florida, di tenere un comportamento responsabile e di sottoporsi ai test giornalieri per il coronavirus, al fine di accorciare i tempi della quarantena una volta rientrati.

E’ stato il caso ad esempio di Zion Williamson, il rookie dei Pelicans che aveva dovuto lasciare Orlando per motivi famigliari ma aveva accettato di sottoporsi ai test ogni giorno. Per lui previsti ora 4 giorni di quarantena, già iniziati.

Il caso Lou Williams è nato da una foto postata su Instagram dal rapper Jack Harlow in uno strip club di Atlanta, Georgia, in cui è assieme al giocatore dei Clippers. Harlow ha affermato che si trattava di una vecchia immagine, ma la mascherina griffata NBA di Williams ha subito “smontato” la difesa.

Lo stesso Williams ha ammesso di aver approfittato del permesso per una capatina ad Atlanta. Harlow ha intanto rimosso la foto dalle sue storie su Instagram.

La NBA ha voluto sentire Lou Williams per informarsi dei suoi spostamenti durante la sua assenza, il giocatore ha confermato la breve visita al club ma garantito sulle condizioni di sicurezza tenute. Il tre volte sesto uomo dell’anno aveva partecipato ai funerali di Paul G. Williams, padre di un amico di famiglia di lunga data, e si sarebbe sottoposto ai test giornalieri previsti dalla NBA.

Doc Rivers su Lou Williams: “Non siamo contenti…”

Williams è già rientrato a Orlando, ed in tali condizioni ed in caso di nessun test positivo la sua quarantena dovrebbe durare soli 4 giorni. La NBA ha però la facoltà di prolungare tale periodo su valutazione degli esperti dei CDC USA, i centri per lo studio delle malattie infettive.

Doc Rivers, allenatore dei Clippers, ha commentato la vicenda: “Cosa è successo durante la sua assenza? Non lo so, non ero con lui. Posso dirvi che ora è qui, questo si. Abbiamo visto le foto, e di certo non sono qualcosa che ci abbia fatto un gran piacere vedere“.

I Los Angeles Clippers dovrebbero recuperare nei prossimi giorni i loro tanti assenti: Montrezl Harrell e Pat Beverely (assenti giustificati), Lou Williams e Ivica Zubac (in quarantena) e Landry Shamet, che non ha ancora raggiunto Orlando.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi