NBA e Kings chiudono le indagini su Luke Walton: "Nessun provvedimento"
146082
post-template-default,single,single-post,postid-146082,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

NBA e Sacramento Kings chiudono le indagini su Luke Walton: “Nessun provvedimento”

caso Luke Walton indagini

NBA e Sacramento Kings chiudono le indagini su Luke Walton: “Nessun provvedimento”

Caso Luke Walton, la NBA ed i Sacramento Kings hanno chiuso le indagini interne sulla accusa di molestie e aggressione sporta dalla giornalista Kelli Tennant, resa pubblica dalla presunta vittima lo scorso aprile.

Secondo lega e Kings, non ci sarebbero sufficienti prove a carico del neo capo allenatore della squadra californiana per delle azioni disciplinari, come riportato da Shams Charania di The Athletic. La giornalista che accusa Walton ha scelto di non prendere parte alle indagini.

Kelli Tennant, all’epoca dei fatti (2014) conduttrice per il network Spectrum SportsNet LA, ha accusato Walton di “avances fisiche eccessive e non gradite”, avvenute in una stanza di Hotel a santa Monica, California.

Luke Walton, allora assistente allenatore di Steve Kerr ai Golden State Warriors, avrebbe dato appuntamento alla Tennant nella sua stanza d’hotel, e lì sarebbe avvenuta l’aggressione, come riportato nella denuncia. La denuncia della donna riporta inoltre un secondo episodio, risalente al maggio 2017. Episodio in cui Luke Walton avrebbe di nuovo dedicato “attenzioni particolari” e non gradite alla Tennant, ex collega dell’allora capo allenatore dei Los Angeles Lakers a SportsNet.

La giornalista ha raccontato di essersi recata presso l’hotel Casa Del Mar di Santa Monica per lasciare a Walton una copia di un suo libro, per il quale l’allora assistente di Steve Kerr ai Golden State Warriors aveva scritto la prefazione. Tennant ha dichiarato che dopo averla invitata nella sua stanza, Walton l’avrebbe aggredita e spinta sul letto.

Ricordo che dopo pochi secondi che mi sembrarono un’eternità riuscii a divincolarmi” Racconta Tennant “Walton tentò di nuovo di bloccarmi la strada mentre tentavo di raggiungere la porta della camera, ridendo. Finalmente potei uscire“.

Tramite il suo avvocato, coach Walton ha bollato le accuse come un tentativo di ricatto, definendole prive di alcun fondamento. La causa civile di risarcimento a carico di Luke Walton rimane comunque aperta.

Dopo re stagioni sulla panchina dei Los Angeles Lakers e la successiva risoluzione consensuale, Luke Walton ha accettato l’offerta di Vlade Divac e dei Sacramento Kinggs.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment