Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Meyers Leonard “spera” in un reintegro nella NBA

Meyers Leonard “spera” in un reintegro nella NBA

di Michele Gibin
meyers leonard

Meyers Leonard ha solo avvicinato il suo ritorno nella NBA, quando i Lakers lo avevano “provinaro” per un contratto da 10 giorni andato poi a Sterling Brown.

L’ex giocatore di Miami Heat e Portland Trail Blazers è stato allontanato dalla NBA a seguito di una sua grave gaffe di stampo razzista e antisemita, quando nel marzo 2021 durante un live stream di una sua partita in multiplayer online di Call of Duty, si lasciò andare a insulti verso altri giocatori.

Leonard aveva subito riconosciuto l’errore e si era scusato, i Miami Heat lo avevano sospeso a tempo indeterminato e una volta diventato free agent nessuna squadra lo aveva ingaggiato. Nel frattempo, Il giocatore aveva dovuto affrontare un’operazione alla caviglia sinistra che aveva avuto delle complicazioni, ora risolte.

Meyers Leonard è stato intervistato da ESPN: “Mi sento come se vivessi in un brutto sogno, in me non c’è una sola cellula d’odio, e so di aver commesso un errore grave, enorme. Non ci sono scuse“. Come all’epoca della sua gaffe, Leonard si è detto non a conoscenza della connotazione antisemita del suo insulto: “L’ignoranza purtroppo è una cosa brutta e io non l’ho mai negato. In quanto al linguaggio usato, nel mondo del gaming si sente di tutto purtroppo“.

Mi sento come se avesi distrutto la mia vita e tutto ciò per cui ho lavorato. Le persone hanno tratto delle conclusioni su di me e immagino ne avessero il diritto, così come i media (…) ho pensato a volte che sarebbe stato più semplice essere morto piuttosto che avere a che fare con tutti gli strascichi della cosa. Io non odio nessuno e voglio essere benvoluto da tutti, non farei del male a nessuno“.

Leonard, un giocatore di ruolo e per di più infortunato e al termine del suo contratto, ha pagato con l’esclusione de facto dalla NBA il suo errore, per il quale ha fatto pubblica ammenda scusandosi e intraprendendo un percorso di educazione e crescita personale. Per un (supposto) errore della stessa caratura, una star NBA come Kyrie Irving ha avuto all’inizio della stagione NBA a novembre una punizione più blanda, 8 partite di sospensione senza stipendio e un pieno reintegro in squadra dopo adeguate scuse e annesso percorso educativo, per aver promosso e parzialmente sostenuto le tesi razziste, pseudo-storiche e antisemite contenute in un libro e docufilm.

Sul caso Irving, Meyers Leonard ha detto: “L’antisemitismo è una cosa reale, tangibile, e sempre più persone hanno sempre più bisogno d’essere educate e capire di più. E cosa più importante, quando fai un errore anche in buona fede, la cosa migliore da fare prima di spiegarti è chiedere semplicemente scusa, e lavorare su te stesso“.

Leonard fu scelto a draft NBA 2013 dai Trail Blazers in uscita da Illinois, e ha giocato 447 partite NBA tra Portland e Miami fino al 2021.

You may also like

Lascia un commento