fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsHouston Rockets I Miami Heat travolgono i Rockets con un primo quarto da record!

I Miami Heat travolgono i Rockets con un primo quarto da record!

di Michele Gibin

I Miami Heat infilano 18 tiri da tre punti in partita, scrivono a referto 38 assist, ed infliggono agli Houston Rockets una delle sconfitte più pesanti della loro storia recente. Il risultato finale di 129-100 racconta poco di una gara già terminata di fatto dopo pochi minuti di gioco.

Il primo quarto termina 46-14 per gli uomini di coach Erik Spoelstra, che proseguono poi la loro cavalcata fino a toccare il 59-18 nel secondo quarto. I Rockets non si avvicinano mai a meno di 25 punti di scarto, mentre Duncan Robinson (23 punti con 6 rimbalzi) e Goran Dragic (15 punti e 4 assist) segnano tripla dopo tripla. Miami segna 71 punti nel solo primo tempo.

L’ex Blazers Meyers Leonard chiude con 21 punti e 9 su 11 al tiro, Jimmy Butler ne aggiunge 18 con 7 rimbalzi, 9 assist e 4 recuperi difensivi, dalla panchina si rivede persino James Johnson, che in 22 minuti segna 17 punti con 4 rimbalzi e 3 assist. “Se siamo sorpresi? No, niente affatto” Così Leonard nel post gara “Abbiamo applicato il piano partita, e siamo entrati in campo con la mentalità giusta, disciplinati ed ordinati“.

Coach Spoelstra ha preparato per la partita un piano speciale per James Harden, il miglior marcatore della NBA. Gli Heat hanno raddoppiato l’MVP 2018 sistematicamente sul palleggio, nelle frequenti situazioni di isolamento del “Barba”, e costringendolo a cedere il pallone. Harden ha chiuso la sua partita con 26 punti e 6 su 14 al tiro, in 26 minuti di gioco.

I 46 punti segnati nel primo quarto sono un nuovo record casalingo per i Miami Heat, e la terza prestazione assoluta di franchigia dopo i 48 punti del 1989 contro i Knicks, ed i 47 contro i Boston Celtics del 1990, e lo scarto di 32 punti imposto ai Rockets nel primo quarto sono il passivo massimo mai inflitto ad una squadra nel primo periodo di gioco. Il +32 del primo periodo è inoltre il terzo vantaggio più grande mai registrato nella storia NBA dalla stagione 1954\55, la prima con l’utilizzo del cronometro dei 24 secondi.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi