OKC saluta Russell Westbrook: "Il più importante della storia dei Thunder"
144111
post-template-default,single,single-post,postid-144111,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

OKC saluta Russell Westbrook: “Il più importante della storia dei Thunder”

Chi è Russell Westbrook

OKC saluta Russell Westbrook: “Il più importante della storia dei Thunder”

Nelle ultime ore lo scambio tra Oklahoma City Thunder e Houston Rockets che ha spedito Russell Westbrook in Texas è diventato ufficiale. In seguito, dunque, a una dipartita così importante e con un peso specifico così elevato per la franchigia e la cultura ad essa legata, non potevano mancare le parole dei vertici di OKC. Il numero 0 è stato il giocatore simbolo della squadra, e, selezionato con la scelta numero 4 al Draft 2008, ne ha sempre fatto parte, nei suoi 11 anni di storia.

Ora, tuttavia, i Thunder inizieranno per la prima volta una stagione NBA senza Westbrook in roster. Con la casacca di Oklahoma City, l’MVP della stagione regolare 2016/2017 ha ottenuto 8 convocazioni all’All-star game, 8 nomine in quintetti All-NBA ed è stato solo il secondo giocatore della storia a chiudere una stagione con una tripla doppia di media, riuscendoci in tutte le ultime tre annate. Come detto, i vertici dell’organizzazione si sono espressi per ringraziare il giocatore per quanto fatto negli ultimi 11 anni.

Per il General Manager Sam Presti, come riportato da Royce Young:

“Abbiamo avuto delle recenti conversazioni con Russell riguardo la squadra, la sua carriera e come vedesse il suo futuro. Abbiamo capito che guardare altrove fosse l’alternativa migliore per lui. Dunque, anche per via della sua storia con i Thunder, abbiamo lavorato insieme per metterlo in atto. La possibilità di tale rapporto è dovuta agli 11 anni di storia che ci hanno permesso di costruire una relazione così profonda.”

Riguardo l’importanza che Westbrook ha avuto per la franchigia ha affermato:

“E’ il giocatore più importante della breve storia degli Oklahoma City Thunder. Ha lasciato un segno indelebile su squadra, città e stato. Nessuno avrebbe potuto immaginare il giocatore che sarebbe diventato. Siamo tutti orgogliosi del contributo che ha dato a questa squadra e alla nostra comunità. Tutta la sua famiglia sarà sempre parte della famiglia Thunder. Gli auguriamo solo felicità e successo in futuro.”

Il presidente della franchigia, Clay Bennett, ha voluto sottolineare rispetto e gratitudine per il giocatore. Sempre come riportato da Royce Young:

“Ho moltissimo rispetto per Russell, e non esiste modo adeguato di descrivere il nostro apprezzamento per ciò che ha significato per gli abitanti dell’Oklahoma. Il suo lascito è immenso, e verrà onorato dalla squadra per tutto ciò che ha fatto. Auguriamo tutto il meglio alla sua famiglia.”

Ora i Thunder dovranno ricostruire la squadra praticamente dalle fondamenta. Gli scambi messi a segno nelle ultime settimane hanno permesso loro di mettere insieme una quantità considerevole di prime scelte al Draft, che, in vista di una rifondazione, faranno senz’altro comodo. Chiusa la prima era del basket ad Oklahoma City, sarà necessario ricominciare da zero e provare ad eguagliare, se non superare, quanto raggiunto in questi primi 11 anni. Bennett, comunque, è fiducioso:

“Mentre questa era di basket Thunder giunge alla conclusione, sono fiducioso nel nostro talentuoso gruppo di persone, che riuscirà senz’altro a riportarci al successo, in futuro.”

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment