Pelicans, Brandon Ingram è sempre più vicino al pieno recupero
144107
post-template-default,single,single-post,postid-144107,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Pelicans, Brandon Ingram è sempre più vicino al pieno recupero

Brandon Ingram pelicans

Pelicans, Brandon Ingram è sempre più vicino al pieno recupero

Pelicans, Brandon Ingram sempre più vicino al pieno recupero dopo il problema di salute ed annesso intervento dello scorso marzo.

Il neo acquisto di NOLA, arrivato in Louisiana assieme ai compagni Lonzo Ball e Josh Hart in cambio di Anthony Davis, ha confermato di aver ripreso gli allenamenti e la preparazione atletica in vista della prossima stagione. Nelle prossime settimane Ingram potrà riprendere la piena attività agonistica.

Lo scorso 16 marzo, l’ex Lakers si era sottoposto con successo ad un intervento di rimozione di un trombo all’altezza del braccio destro, un problema emerso pochi giorni prima, e che aveva terminato anzitempo la sua stagione.

Subito dopo l’intervento l’agente del giocatore aveva dichiarato che il problema non avrebbe lasciato strascichi, e che il prodotto di Duke sarebbe stato sicuramente pronto per il prossimo training camp. L’intervento subito da Ingram è un’operazione abbastanza diffusa tra gli atleti professionisti soggetti a ripetizioni frequenti di un certo gesto atletico, come giocatori di baseball o nuotatori.

In 52 partite disputate la scorsa stagione, Brandon Ingram ha viaggiato a 18.3 punti, 5.1 rimbalzi e 3 assist a gara, con il 49.7% al tiro in 33.8 minuti d’impiego.

I New Orleans Pelicans hanno presentato nella giornata di venerdì i tanti nuovi arrivi: Lonzo Ball, Brandon Ingram, Josh Hart e Derrick Favors saranno assieme a Zion Williamson il nucleo di un a squadra rinnovata dopo la partenza della star Anthony Davis. Tra i volti nuovi dei Pels anche il veterano J.J. Redick e l’italiano Nicolò Melli, al suo esordio nella NBA.

Ho apprezzato il livello di dedizione alla causa dei nostri nuovi giocatori” Così David Griffin, vice-presidente dei New Orleans Pelicans “Ad esempio, una volta arrivato qui Josh Hart si è messo a completa disposizione, voleva assicurarsi di far parte della squadra ed ha chiesto di non essere scambiato di nuovo. Una cosa importantissima, l’esempio di cultura rinnovata di pallacanestro che vogliamo introdurre qui“.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment