fbpx
Home NBANBA TeamsBoston Celtics Pasticcio Celtics contro i Thunder: quarta sconfitta in casa di fila e crisi

Pasticcio Celtics contro i Thunder: quarta sconfitta in casa di fila e crisi

di Francesco Catalano

Continua il momento negativo dei Boston Celtics che nella notte perdono la quarta partita di fila in casa al TD Garden per 105 a 104 contro gli Oklahoma City Thunder. Il mese di marzo sembrava essere iniziato nel migliore dei modi per i biancoverdi che venivano accreditati come una delle squadre più forti della lega.

Prima dell’inizio di questa striscia negativa infatti i Celtics avevano vinto 14 delle ultime 17 gare. Ed il tutto era stato in concomitanza con l’esplosione di Jayson Tatum. La prima sconfitta dopo molte partite è arrivata allo Staples Center contro i Los Angeles Lakers. Sconfitta, però, che aveva dato ancora più certezze alla squadra di coach Brad Stevens che aveva lottato ad armi pari con i gialloviola.

Tralasciando anche la sconfitta in casa contro gli Houston Rokcets che per certi versi è accettabile, gli scivoloni sono iniziati con la sconfitta impensabile contro i Brooklyn Nets. Boston in quell’occasione è riuscita a buttare una partita già in cassaforte concedendo di tutto nell’ultimo quarto. Poi sono arrivati gli infortuni a ruota di Jaylen Brown e Gordon Hayward. Per di più, Kemba Walker è appena rientrato da un infortunio al ginocchio ed è evidentemente ancora fuori forma.

https://www.instagram.com/p/B9fiC1cpxzJ/

La sconfitta di questa notte è l’emblema di questo periodo. I Celtics erano ancora una volta in vantaggio netto di 18 punti e poi si sono fatti rimontare. Brad Stevens ha cercato così di analizzare il periodo a fine partita. “Questa è la cosa più difficile da affrontare nella NBA. Durante una settimana puoi sentirti sul tetto del mondo. Mentre quella dopo è come se ti stesse crollando il cielo addosso”.

Nelle ultime due gare perse in casa contro Utah Jazz e OKC c’è stata anche una leggera flessione di Tatum che sta avendo qualche difficoltà al tiro (stanotte 19 punti con 8 su 22 dal campo però). Il trascinatore per i padroni di casa è stato Gordon Hayward (24 punti con 9 su 19 dal campo e 4 su 7 dall’arco) che nonostante il ritorno dall’infortunio è stato il migliore dei suoi. “Dobbiamo lavorarci su” ha detto dopo il match. “Siamo ancora la stessa squadra. Dobbiamo solo rialzarci di nuovo e trovare il modo di vincere ancora le partite”.

Serata ancora da dimenticare, come detto, per Kemba Walker. Nel finale i Celtics erano sotto 103 a 100. Nell’ultimo minuto di gioco, tuttavia, prima con una schiacciata di Theis e poi con un lay-up di Tatum seguito ad una sua stoppata su Schroeder erano riusciti a ribaltare il risultato. Dopo due errori dalla lunetta di Adams ed un tiro errato di Chris Paul,a pochi secondi dal termin,e è rimessa Celtics. Qui avviene il disastro: Smart passa a Walker che nel tentativo di proteggere palla, la offre a Schoeder a cui regala canestro e partita.

Sembra ancora lontana la forma per l’ex Hornets che ha chiuso con 14 punti e un misero 4 su 14 dal campo. “E’ difficile per me, perché so che posso segnare i tiri che prendo. Non è la prima volta in cui durante la mia carriera sto vivendo una striscia negativa. Ma tornerò quello di prima”.

I Celtics prima di questa striscia negativa avevano puntato il secondo posto della Eastern Conference occupato dai Toronto Raptors. La seconda piazza avrebbe permesso loro di ottenere un primo turno semplice ai playoffs e di andare dalla parte opposta del tabellone rispetto ai Bucks. Tuttavia queste sconfitte hanno complicato le cose mettendo a repentaglio anche il terzo posto. I Miami Heat ora sono così solo ad una partita e mezzo dai Celtics. Mentre i Raptors si sono allontanati a tre partite e mezza.

Serve una scossa agli uomini di Stevens per ritrovare la miscela giusta che avevano avuto fino a poco tempo. Per farlo non hanno però il migliore dei calendari: martedì, infatti, incontreranno gli Indiana Pacers, mentre giovedì i Milwaukee Bucks.

View this post on Instagram

Final

A post shared by Boston Celtics (@celtics) on

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi