Pat Riley su Miami: "Heat buona squadra, ma possiamo migliorare ancora"
136811
post-template-default,single,single-post,postid-136811,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Pat Riley su Miami: “E’ arrivato il momento di investire, siamo promettenti”

Pat Riley su Miami: “E’ arrivato il momento di investire, siamo promettenti”

Pat Riley è tornato a dire la sua su Miami. In particolare, l’ex allenatore di Lakers e Knicks si è soffermato sul futuro della franchigia, aprendo alla possibilità di grandi investimenti, come aveva già in precedenza annunciato.

LE DICHIARAZIONI DELL’EX COACH DEGLI HEAT SULLA FRANCHIGIA 

Miami Heat

Riley ed Erik Spoelstra: i due insieme hanno vinto 3 titoli Nba.Il Presidente del team della Florida, ai microfoni del Miami Herald, ha ribadito la sua frustrazione per il campionato appena concluso, facendo riferimento anche alla cultura sportiva venutasi a creare nella squadra negli ultimi anni.

Dal 1995, quando sono venuto qui, ho cercato di impostare un certo modo di pensare e una certa cultura. Ogni team di professionisti ne ha una, per mettere i suoi atleti nella migliore condizione possibile. E’ difficile farlo, perché ci vuole molto impegno e la dedizione totale dei giocatori.

Riley ha poi continuato ammettendo la volontà di voler aggiungere tasselli importanti al roster durante la prossima estate, in grado di innalzare il livello complessivo del team e tornare definitivamente tra le contender.

Nelle scorse annate, dato che non siamo riusciti a prendere Kevin Durant o Gordon Hayward, abbiamo pensato di ingaggiare elementi con buon potenziale. Abbiamo scoperto così una gran bella squadra che può ambire a grandi traguardi in futuro. Dalla prossima free agency e dal draft possiamo ricavare qualche giocatore in grado di darci una grossa mano. Sono fiducioso.

Infine, l’Hall of Fame ha voluto sottolineare l’importanza di ricostruire quella mentalità vincente che, negli ultimi mesi, sembra essere venuta meno dalle parti di Miami.

Detesto far venire i tifosi a vedere un match, condotto anche di 20 lunghezze di vantaggio, che poi alla fine risulterà perso. E’ una delusione per me e per tutta la squadra. In questa stagione spesso sono accadute situazioni del genere che non possono essere più tollerate.

In conclusione, dunque, come già osservato nei giorni scorsi, dalle parole di Pat Riley emerge una chiara e netta voglia di riscatto per la prossima annata. La speranza dei tifosi del Calore è quella di rivedere al più presto la franchigia tra le migliori della Lega Americana, anche se tale processo richiederà ancora del tempo.

 

 

 

Tommaso Ranieri
tommi-ranieri@hotmail.it

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

No Comments

Post A Comment