fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Pelicans, Gentry: “Possibili restrizioni nel minutaggio di Zion Williamson”

Pelicans, Gentry: “Possibili restrizioni nel minutaggio di Zion Williamson”

di Francesco Schinea

Un’eventuale ripresa della stagione NBA potrebbe portare ad un’esponenziale incremento del rischio di infortuni, a causa del lungo periodo di inattività a cui sono sottoposti i giocatori. Nel caso dei New Orleans Pelicans, spetterà a coach Alvin Gentry gestire al meglio la situazione legata a Zion Williamson.

La prima scelta assoluta dell’ultimo draft ha dovuto fare i conti ad inizio stagione con un infortunio al ginocchio. Ciò ha comportato, una volta rientrato in campo, dei limiti al minutaggio per diverse partite. Gentry ha pertanto spiegato nel corso di una conference call con i media come il problema delle restrizioni sul tempo trascorso in campo potrebbe ripresentarsi.

“Avremo conversazioni a riguardo sia con Zion che con gli altri giocatori. Si tratta davvero di una situazione senza precedenti. Prima giochi 60 partite, poi all’improvviso viene interrotta la stagione e adesso potrebbe ricominciare. Quindi sarà qualcosa di diverso per tutti i giocatori che hanno giocato in NBA o che ci stanno giocando”

Coach Gentry su Zion Williamson: “Mai visto nessuno col suo salto”

Zion Williamson ha fatto il proprio esordio in NBA a gennaio, a causa dei già citati problemi fisici. Prima della sospensione del campionato per l’emergenza Coronavirus ha preso parte a soli 19 match, in cui ha fatto di tutto per rientrare nella corsa al premio di Rookie of the Year. Fin qui ha messo, infatti, a referto 23.6 punti e 6.8 rimbalzi a partita, tirando col 58% dal campo. Numeri impressionanti, che non passano inosservati neanche agli occhi del suo allenatore.

“In tutti gli anni in cui sono stato nella lega non ho mai visto nessuno con il secondo salto di Zion”, ha affermato Gentry. “È incredibile come riesca a saltare una seconda volta quando gli avversari stanno ancora reagendo alla prima mossa. Abbiamo scoperto che è anche un eccellente passatore. Quando si sentirà più a suo agio nel gestire la palla può entrare nell’elite sotto questo aspetto tra i giocatori del suo ruolo. È anche un ottimo compagno di squadra, possiamo affidarci a lui quando abbiamo bisogno di un canestro”.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi