fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBoston Celtics Coach Stevens sul caso Floyd: “Difficile comunicare un dolore simile”

Coach Stevens sul caso Floyd: “Difficile comunicare un dolore simile”

di Francesco Catalano

La morte di George Floyd sta scuotendo tutti gli Stati Uniti e molti personaggi del mondo NBA hanno manifestato per evidenziare la loro sensibilità riguardo il problema del razzismo, soprattutto in America: tra questi in prima linea ci sono stati anche i Boston Celtics di coach Brad Stevens.

Il giovane head coach dei biancoverdi ha voluto far sapere ai suoi ragazzi che stanno prendendo una posizione la sua vicinanza. E lo ha fatto attraverso una lettera. Come ha lui stesso confermato.

Ho scritto una lettera ai nostri ragazzi in questo weekend. E non è stato facile scrivere quello che volevo dire. Ma penso che la cosa che volevo sapessero è che ogni persona che si possa definire tale stia soffrendo. Ciascuno sente il dolore della comunità africana d’America. Ma non non voglio nemmeno pretendere di percepire lo stesso dolore”.

Volevo che sapessero che sono dalla loro parte. Ho pensato fosse importante. E’ così bello vedere i ragazzi così attivi. Ho parlato con molti di loro. Ognuno è profondamente ferito”.

Infatti diversi giocatori dei Celtics hanno dimostrato la proprio sensibilità scendendo in piazza per chiedere giustizia. Marcus Smart ed Enes Kanter lo hanno fatto a Boston. Il turco non è nuovo a questo genere di iniziative: di soprusi ed ingiustizie ne sa qualcosa vista la continua minaccia che il governo turco rappresenta per lui.

Il giovane Jaylen Brown, invece, ha condotto la sua protesta da Atlanta. Non è la prima volta che il 23enne dimostra grande maturità. Infatti, alla sua giovane età ha già dimostrato grandi doti di leadership sia fuori che dentro il campo. Coach Stevens, a proposito, ha voluto spendere qualche parola per elogiare la sua evoluzione.

Jaylen ha un grande impatto; è bravo come lo è nella pallacanestro. E’ un ragazzo speciale. Un leader fuori dal comune. E’ intelligente e ha coraggio. Penso che abbiamo riconosciuto anche questo, quando lo abbiamo selezionato al Draft, ma sta diventando sempre più incredibile giorno dopo giorno”.

Personalmente mi è sempre piaciuto ascoltarlo e parlare con lui anche di cose diverse dal basket. Non sono per nulla sorpreso che abbia assunto un ruolo da leader. E’ la sua natura”.

Non è ormai un segreto che Brown sia diventato una colonna portante dei nuovi Boston Celtics. Il progetto dei biancoverdi infatti graviterà nei prossimi anni tutto intorno a lui, Jayson Tatum e Kemba Walker.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi