Rissa Rondo-Paul, Daryl Morey: "Rajon, senti chi parla!"
123335
post-template-default,single,single-post,postid-123335,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Daryl Morey su Rondo: “Come il bue che dà del cornuto all’asino”

GM Daryl Morey

Daryl Morey su Rondo: “Come il bue che dà del cornuto all’asino”

Daryl Morey, General Manager degli Houston Rockets, risponde a tono alle accuse di Rajon Rondo a seguito della rissa Rondo-Paul di sabato notte a L.A.

Nella giornata di martedì, l’ex point guard dei Boston Celtics ha definito Chris Paul “una persona orribile”, ed uno dei peggiori compagni di squadra che si possano avere.

Lakers-Rockets

La rissa Rondo-Paul (Kevin Sullivan, Orange County Register/SCNG)

Rajon ha poi commentato la squalifica mite di Paul spiegando come la NBA abbia a suo parere agito per “preservare la buona reputazione” del nove volte All-Star.

Rondo ha fatto riferimento ad un episodio risalente alla passata stagione.

Dopo un’animato finale di partita tra Houston Rockets e Los Angeles Clippers, l’ex squadra di Paul, un gruppo di giocatori dei Rockets tentò di raggiungere lo spogliatoio dei Clippers.

il motivo dell’animosità, un’accenno di rissa tra Trevor Ariza – allora ai Rockets –  e Blake Griffin dopo un contatto duro tra Griffin-Paul.

Rissa Rondo-Paul, la risposta di Daryl Morey

Il GM degli Houston Rockets ha affidato a Twitter la sua risposta alle insinuazioni di Rondo.

L’immagine postata da Morey è inequivocabile:

La foto fa riferimento ad un’espressione idiomatica inglese: “The pot calling the kettle black”, che equivale al modo di dire nostrano “Il bue che dà del cornuto all’asino”.

Chris Paul, giocatore intenso ed ossessionato dalla pallacanestro e dal desiderio di migliorarsi, ebbe i suoi problemi con alcuni membri dello spogliatoio dei Clippers ai tempi di “Lob City”, ed in particolare con la seconda star di quella squadra, Blake Griffin.

Rajon Rondo non è certo stato da meno, durante i suoi 13 anni da professionista.

Rajon Rondo e DeMarcus Cousins ai tempi dei Sacramento Kings

Ray Allen, suo ex compagno ai Boston Celtics, racconta nella sua autobiografia di un Rondo irrequieto, indisponibile ad ascoltare i consigli dei veterani.

Nel suo libro, Allen parla di “relazione in pezzi” tra lui e l’ex Kentucky Wildcats già dal 2011.

A Dallas, dove finì nel dicembre 2014, Rondo si scontrò e fu messo fuori squadra da coach Rick Carlisle.

L’anno successivo a Sacramento, Rajon fu squalificato per una partita, per aver apostrofato con un’espressione omofobo l’arbitro Bill Kennedy, rifiutando in un primo momento di scusarsi per l’episodio.

Nel 2016 a Chicago, l’ex Celtics fu allontanato temporaneamente dalla squadra “per comportamento deleterio nei confronti della squadra”, e successivamente escluso dalle rotazioni da coach Fred Hoiberg.

Rondo tornò poi in campo per contribuire a portare i Bulls ai playoffs.

 

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment