Trae Young Rookie dell'anno? Mitchell e Kuzma non hanno dubbi
134566
post-template-default,single,single-post,postid-134566,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Trae Young Rookie dell’anno? Donovan Mitchell e Kyle Kuzma non hanno dubbi

Trae Young ha aumentato i giri del motore con l'anno nuovo con prestazioni da urlo

Trae Young Rookie dell’anno? Donovan Mitchell e Kyle Kuzma non hanno dubbi

Nella notte Trae Young, forte candidato a Rookie dell’anno, ha messo a referto un’altra ottima prestazione, portando i suoi Atlanta Hawks alla vittoria contro i Philadelphia 76ers, per 127-129, con un tiro sulla sirena finale.

La giovane guardia, prodotto del College di Oklahoma, ha fatto registrare 32 punti e 11 assist, facendo muovere la retina da oltre l’arco dei tre punti in 4 occasioni su 9 tentate.

Questo risultato è solo il culmine di un crescendo continuo che ha coinvolto il numero 11 da inizio stagione ad oggi. Nei primi due mesi si era limitato a 15 punti a partita, con il 24% da tre punti.

Da Febbraio ad oggi invece sembra aver messo il turbo: 23 punti, 4 rimbalzi e 9 assist di media, conditi dal 40% da tre. Young sta facendo cose straordinarie per la sua squadra e per sé, riaprendo una corsa per il Rookie dell’anno che sembrava chiusa, in favore di Luka Doncic.

Rookie dell’anno: Trae Young si sta facendo notare

Dal momento in cui si è dichiarato per il Draft, Young è stato paragonato a Stephen Curry: prodotto di un College minore e abile tiratore da lontanissimo. Ma questo non è stato l’unico paragone con cui ha dovuto convivere.

Nella notte del Draft 2018, infatti, i Dallas Mavericks, che l’avevano scelto con il Pick numero 5, l’hanno girato agli Hawks insieme alla loro prima scelta 2019 in cambio del Pick numero 3 dello stesso Draft: Luka Doncic.

Non si è trattato certo di una situazione facile: oltre alle pressioni di routine che investono i giovani rookie che entrano nella NBAYoung ha dovuto giocare con l’ombra del due volte MVP di Golden State e di un giocatore come Doncic, già MVP Eurolega e più pronto ad ambienti professionistici.

I due giovani saranno sempre ed inevitabilmente messi a confronto durante le loro carriere.

A partire della lotta per il titolo di Rookie dell’anno 2019, che li vede già l’uno contro l’altro. E se fino a qualche mese fa lo sloveno dei Mavs sembrava protagonista assoluto, le ultime uscite di Young stanno creando un nuovo caso di incertezza intorno al premio.

Diversi giocatori NBA si stanno schierando con il playmaker di Atlanta, come Donovan Mitchell, fresco di ROY 2018 sfumato per mano di Ben Simmons.

O anche Kyle Kuzma, al secondo anno di NBA come la guardia degli Utah Jazz.

Non sono i primi a schierarsi così apertamente. Nick Young, che ormai sembrerebbe essere un ex giocatore NBA, si era già dichiarato sostenitore della causa di Young, seppur riconoscendo le abilità di Doncic.

I due giovani arriveranno probabilmente appaiati alla corsa finale al premio, e, senza dubbio, chiunque lo dovesse vincere, daranno grande spettacolo nella Lega per molti anni da oggi.

 

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment