Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBrooklyn Nets Sean Marks: “Mikal Bridges non ci ha mai chiesto la trade”

Sean Marks: “Mikal Bridges non ci ha mai chiesto la trade”

di Michele Gibin
mikal bridges

Mikal Bridgesnon ha chiesto la trade verso i New York Knicks” e la nuova ricostruizione dei Brooklyn Netsnon sarà lunga“, così ha detto il Gm della squadra Sean Marks in conferenza stampa.

Fallito miseramente il progettone big three con Kevin Durant, Kyrie Irving e poi James Harden, i Nets si sono imbarcati nel secondo rebuilding a stretto giro. Nuovo allenatore, il quotato Jordi Fernandez, tante scelte future al draft, una squadra oggi debolissima e almeno un paio di altri contratti – Ben Simmons, Dorian Finney-Smith – da scaricare via trade da qui a febbraio.

Per aiutare la propria fortuna, Brookyn ha deciso di cedere anche il miglior giocatore della squadra, quel Mikal Bridges che era stato la contropartita tecnica principale per Kevin Durant, dai Phoenix Suns. Bridges è andato ai Knicks dai suoi ex compagni di squadra al college a Villanova, Jalen Brunson, Josh Hart e Donte DiVincenzo, ma Marks ha ribadito che il giocatore non ha mai chiesto di essere ceduto.

E’ stato detto e scritto che Mikal Bridges volesse andarsene e che avesse chiesto espressamente i Knicks. Non c’è nulla di più falso, Mikal non è quel tipo di persona. Non è mai successa questa cosa, io l’ho avvertito che c’era qualcosa in ballo e che si stava per chiudere“.

Dalla trade Bridges, e da una trade laterale coi Rockets cha ha visto coinvolte solo scelte al draft, i Brooklyn Nets hanno ricavato ben 5 prime scelte future dal 2025 al 2031, e recuperato il controllo sulla propria prima scelta al draft NBA 2026 che dipendeva ancora da Houston, eredità della trade per Harden. Il draft 2025 sarà quello di Cooper Flagg ed è considerato oggi (manca ancora tanto) di livello superiore rispetto a quello del 2024, tanto vale dunque muoversi prima.

Per la free agency 2025 i Nets potranno disporre di grande spazio salariale, 70-80 milioni di dollari stimati, e per questi motivi Sean Marks vede un percorso breve di ricostruzione di una squadra a buoni livelli. “A un certo punto devi guardarti allo specchio e dirti, qual è la direzione migliore che possiamo prendere, e come possiamo prenderla? Le scelte al draft che abbiamo aggiunto sono la direzione. Già dal 2025 vedremo cosa farne (…) saremo strategici in ciò che vogliamo costruire, questa volta potremo utilizzare anche tutto lo spazio salariale che abbiamo liberato“.

You may also like

Lascia un commento