Marcus Smart rimane fiducioso per il futuro dei Celtics
142154
post-template-default,single,single-post,postid-142154,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Marcus Smart rimane fiducioso per il futuro dei Celtics

marcus smart

Marcus Smart rimane fiducioso per il futuro dei Celtics

I Boston Celtics sono attesi da una estate rovente. I problemi riscontrati nella trattativa con Al Horford per il rinnovo del contratto e il sempre più probabile addio di Kyrie Irving (che sembra aver dato la sua parola ai Nets) costringeranno Danny Ainge a modificare il roster biancoverde. Gia le scelte al Draft sono andate nel senso di una ricostruzione: puntare nei giovani e piano piano tornare a firmare gli All Star. Gli ultimi rumors danno il gm dei Celtics molto interessato a Kemba Walker, bisognerà vedere però se la trattativa andrà effettivamente in porto. Poi servirà anche concentrarsi sul reparto dei lunghi, con Horford più fuori che dentro ormai e con Baynes scambiato.

Smart resta fiducioso

Una delle colonne di Boston, nonché il vero leader emotivo della franchigia del Massachusetts, Marcus Smart, rimane comunque fiducioso riguardo il futuro. Ecco le sue parole:

Non siamo soddisfatti per la scorsa stagione, ma proprio per questo sono eccitato. Dobbiamo usare tutto questo come motivazione per andare avanti e migliorare. Non importa chi verrà, e chi sarà in questo team: noi siamo pronti a combattere. I Raptors hanno vinto quest’anno, ma il prossimo anno si riparte tutti da zero, e tutti abbiamo una chance di vincere.
Indipendentemente da ciò che faranno Horford e Irving, io terrò sempre a loro. Gli auguro il meglio, qualsiasi decisione prendano.

Gabriele Arico
gabrielearico8@gmail.com

Grande appassionato di molti sport: calcio, basket, football americano, formula 1. Scrivo articoli per passione per il giornalismo

No Comments

Post A Comment