fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Ripresa stagione NBA, dal 1 giugno le squadre potranno convocare i giocatori

Ripresa stagione NBA, dal 1 giugno le squadre potranno convocare i giocatori

di Michele Gibin

Le squadre NBA attendono per il 1 giugno istruzioni ufficiali per cominciare a convocare i loro atleti, in vista delle operazioni di ripresa della stagione 2019\20. Le squadre richiameranno in sede tutti i giocatori che durante il lockdown avevano avuto il permesso di fare ritorno nelle città e stati di residenza.

Sempre per i primi giorni di giugno le squadre si aspettano un via libera per poter aumentare frequenza e intensità del lavoro di preparazione individuale dei giocatori, sempre nel rispetto di tutte le norme di sicurezza e distanziamento sociale già dettate dalla NBA a inizio maggio. Nelle facility di allenamento saranno ammessi più membri degli staff di preparatori atletici.

Un altro passo avanti nel percorso di avvicinamento ad una – a questo punto più che probabile – ripartenza della stagione, ferma dallo scorso 12 marzo dopo i fatti di Jazz-Thunder e la positività al test per il coronavirus di Rudy Gobert e Donovan Mitchell. Nella giornata di mercoledì alcuni report hanno parlato di Orlando, Florida, e del Walt Disney Resort come possibile location unica per la ripresa della stagione, assieme a Las Vegas.

La tabella di marcia “ufficiosa” della NBA prevede la prima palla a due per la metà di luglio. L’intenzione del commissioner NBA Adam Silver resta quella di salvare almeno parte della regular season e l’intero formato a 7 partite dei playoffs.

Uno dei tanti problemi logistici in questa fase sarà organizzare il ritorno negli Stati Uniti dei giocatori internazionali che durante il lockdown hanno fatto ritorno a casa, nel loro paese di origine, come ad esempio Luka Doncic dei Dallas Mavericks. La NBA ha chiesto all’amministrazione Trump un supporto per il rientro degli atleti, con i voli sia internazionali che continentali ancora fortemente limitati negli USA.

Come riportato da Adrian Wojnarowski di ESPN, uno dei punti su cui esiste ancora oggi maggiore incertezza è il formato per la ripresa della stagione: coinvolgerà tutte e 30 le squadre? Quali saranno le modalità con cui ci si giocherà l’accesso alla post-season?

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi