Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsAtlanta Hawks NBA, Trae Young ancora in dubbio per gara 4: “Il piede fa ancora male”

NBA, Trae Young ancora in dubbio per gara 4: “Il piede fa ancora male”

di Ercole Guidone
hawks bucks

Nella notte italiana si giocherà gara 4 tra Milwaukee Bucks e Atlanta Hawks. Per Atlanta questa sfida potrebbe già essere fatale per la serie, in quanto attualmente sono sotto di 2-1. Dall’infermeria, però, non arrivano buone notizie. Trae Young, infatti, dopo il colpo subito in gara 3, è in forte dubbio per gara 4.

La diagnosi dice che Young ha una contusione ossea al piede destro, dopo un contatto avvenuto con l’arbitro durante il terzo quarto di gioco. Secondo quanto riportato da Marc Stein del New York Times, la presenza di Trae Young per gara 4 non è affatto certa e sicura.

Nelle prime 15 partite giocate da Young in questi playoffs, la sta di Atlanta ha viaggiato a una media di 29.8 punti a partita e 9.5 assist. In gara 3 contro i Bucks ha segnato 35 punti, ma dopo aver subito l’infortunio ne sono arrivati solo 3, con 1 su 4 al tiro.

Le parole di Trae Young sull’infortunio

Nel post partita, Trae Young si è presentato ai microfoni dei giornalisti, dove ha mostrato tutto il suo disappunto e la sua delusione: “La caviglia fa molto male, è abbastanza dolorante. Questa situazione è davvero stressante.”

Come detto, oltre al dolore fisico, il problema alla caviglia limita molto il numero 11 di Atlanta anche nei movimenti, tanto da non riuscire ad esprimere il suo miglior basket: “Questo problema limita molto la velocità del mio gioco, e per me questo è fondamentale. Quando mi trovo sul lato sinistro e devo passare su quello destro devo usare il piede infortunato e questo mi limita molto, perché provo dolore.”

Gli Atlanta Hakws adesso si trovano davvero ad un bivio. Perdere gara 4 significherebbe andare sotto sulla serie per 3-1 e forse a quel punto abbandonare il sogno NBA Finals. E, per questo motivo, con un Trae Young non al meglio, coach Nate McMillan dovrà fare più affidamento su Lou Williams, Bogdan Bogdanovic, Kris Dunn e Tony Snell, per cercare di colmare il più possibile l’assenza della stella con la numero 11 sul petto.

You may also like

Lascia un commento