Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Wembanyama spiega la materia oscura ai ragazzi, perfettamente

Wembanyama spiega la materia oscura ai ragazzi, perfettamente

di Michele Gibin

Parecchi anni fa, l’ex giocatore degli Utah Jazz Andrei Kirilenko, russo, sconvolse i reporter NBA con una citazione della “vittoria di Pirro” relativa a una partita vinta ma a caro prezzo dai suoi. L’America si era appena ripresa dall’aver scoperto che i giocatori europei tendono a essere un “tanticchio” come direbbe il Commissario Montalbano, più acculturari dei parietà americani, che è toccato a Victor Wembanyama stupirli di nuovo.

Accolto col suo premio di Rookie of the Year NBA 2024 allo Scobee Planetarium del San Antonio College, Wembanyama si è esibito in una spiegazione semplice ma efficiace della materia oscura, la materia che compone circa il 27% del contenuto massa-energia dell’universo e che è però a oggi invisibile ai nostri strumenti, perché interagisce a livelli minimi con la materia ordinaria, barionica, di cui siamo fatti.

Victor Wembanyama è fresco di studi come ogni ragazzo di 19 anni, ed è appassionato di scienza. E davanti a una platea di circa 100 ragazzi dei Boys & Girls Clubs e del Big Brother/Big Sister Program locali, si è lanciato in un approfondimento sul mistero della materia oscura.

E’ una massa che non possiamo vedere ma che sappiamo è li perché influenza l’attrazione gravitazionale, e la velocità di rotazione delle galassie. La sua presenza all’interno delle galassie è stimata essere 5 volte superiore rispetto a quanto dovrebbe essere. Per cui è un mistero enorme, non possiamo vederla, non possiamo osservarla ma c’è, e possiamo osservare i suoi effetti. E’ roba da fantascienza“.

You may also like

Lascia un commento