Home NCAA Basketball La giostra delle imbattute: soltanto SMU, Oklahoma e Xavier ancora a cavallo

La giostra delle imbattute: soltanto SMU, Oklahoma e Xavier ancora a cavallo

di Giulio Scopacasa

La storia delle squadre imbattute ritorna ogni anno. A differenza dello scorso anno, dove Kentucky era la regina della scena del basket collegiale americano, possedendo, fino alla Final Four, un record privo di sconfitte, questa stagione è stata più difficile da comprendere del previsto, anche a causa di alcuni pesanti infortuni. La numero 1 del Ranking AP, North Carolina, ha dovuto fare a meno di Paige per le prime 6 partite, nelle quale il passo falso c’è stato contro Northern Iowa (UNI). Anche i Kentucky Wildcats hanno fatto fatica a mantenere le sconfitte a zero nell’inizio di stagione, anche a causa della bruttissima partenza di carriera del tanto attesto Skal Labissiere. Per UK le sconfitte arrivano contro UCLA in trasferta e contro Ohio State. Kansas perde contro i Michigan State Spartans e Duke perde alla prima partita del torneo di esibizione contro Kentucky.

Tutte le big perdono subito tranne gli Spartans di Tom Izzo, che arrivano fino a un record di 13-0, ma cadono in casa di Iowa nella prima partita della regular season di conference. La Big Ten sembra molto agguerrita e la squadra numero 1 del Ranking AP, senza il proprio Go To Guy, Denzel Valentine, non riesce a stare dietro alla grande partita di Gessell e compagni.

A questo punto della stagione rimangono pochissime squadre imbattute, tra le quali troviamo i Mustangs di SMU, gli Oklahoma Sooners e i Musketeers di Xavier. Il bello, però, deve ancora venire. A partire dalla prossima partita, inizieranno gli scontri di conference, quelli nei quali sarà più probabile vedere le sconfitte di queste squadre, in particolare per Oklahoma e Xavier. Però, andiamo per ordine.

Un po’ la Cenerentola delle regular season, SMU è pronta per entrare nel periodo di fuoco del calendario. L’ottima stagione fino ad oggi ha portato un inaspettato numero 17 nel Ranking dell’Associated Press, ma saranno le prossime partite a diventare il vero esame per la squadra di Larry Brown. Arriveranno le sfide contro South Florida e il primo avversario all’interno del Ranking, numero 22, i Cincinnati Bearcats. Tutta questa grande stagione, però, potrebbe rivelarsi inutile, dato che i Mustangs, a causa di una violazione non definita da parte dell’allenatore Larry Brown, sono stati squalificati dalla postseason di quest’anno, sia dai playoffs di conference, sia dalla March Madness.

I Sooners di Oklahoma sono, senza dubbio, la minor sorpresa tra queste tre squadre. Al momento sono classificati al numero 3 del Ranking Associated Press, e con la sconfitta di Michigan State nella notte, difficilmente li vedremo scendere, anzi, probabilmente, potranno giocarsi una posizione alta di classifica. Da cosa dipenderanno le posizioni di queste tre squadre? Dalla partita del 4 gennaio tra Oklahoma e Kansas (attualmente numero 2 della nazione). Prima dell’appuntamento contro i Jayhawks, però, i Sooners dovranno affrontare un’altra squadra nel Ranking, al numero 11 nazionale, Iowa State. Contro i Cyclones non sarà una partita facile, ma il pubblico di casa aiuterà molto, mentre contro Kansas, in trasferta, non sarà per nulla semplice, anzi. Da quella partita dipenderanno le prime tre posizioni del prossimo ranking AP tra Kansas, Michigan State e Oklahoma.

L’ultima squadra imbattuta è Xavier. I Musketeers stanno compiendo una grande marcia verso la seconda parte di stagione. Ora, però, si presenterà un periodo si fuoco, nel quale, i Musketeers affronteranno, prima la numero 16 del ranking Villanova in trasferta, su uno dei campi più ostici dello stato, e successivamente i Bulldogs di Butler in casa, attuali numeri 9 del Ranking Associated Press.
Per la squadra la stagione ha preso un’ottima piega, anche grazie ad alcune quality wins contro Michigan e Cincinnati, e ad alcune partite importanti come quelle vinte contro Wake Forest o USC.

Vedremo quanto potranno durare le favole di queste tre squadre, sicuramente non pronte per vincere un titolo NCAA, ma sicuramente in lotta per un ottimo piazzamento nelle proprie conferences e nella March Madness, al momento da uniche imbattute degli Stati Uniti d’America.

You may also like

Lascia un commento