AD7

Kemba Walker pronto a lasciare gli Hornets? “Deciderò quando sarà il momento”

L'ex UConn vuole i playoffs, che a Charlotte mancano da due stagioni, e rimanda ogni decisione sul suo futuro alla prossima estate

Kemba Walker, point guard degli Charlotte Hornets, sarà uno dei nomi di grido nella prossima free agency estiva. L’ex scelta numero 9 al draft 2011 degli allora Charlotte Bobcats farà parte di un gruppo di free agent del calibro di Jimmy Butler, Kawhi Leonard e Kyrie Irving.

Durante le ultime due deludenti annate degli Charlotte Hornets, Kemba Walker è stato più volte accostato a diverse squadre.

Kemba Walker sarà free agent l’estate prossima

In prossimità della trade deadline del febbraio scorso, gli Hornets sono arrivati al punto di mettere ufficialmente sul mercato il due volte All-Star, dicendosi disposti a valutare eventuali offerte.

Dal canto suo, L’ex Most Outstanding Player delle Final Four NCAA 2011 con la maglia degli Huskies di UConn, ha sempre ribadito di essere determinato a condurre la sua squadra di nuovo ai playoffs, cercando di non farsi influenzare dalle voci di mercato attorno a lui.

In luglio, in occasione di una visita nella sua New York, Walker aveva dichiarato di considerarsi un “Hornet” a tutti gli effetti, e di non avere piani immediati per l’addio alla franchigia presieduta da Michael Jordan.

Non è nei piani piani andarmene ora, non è una cosa che dipende da me“, queste le parole di Kemba.

Nella giornata di mercoled’, Walker è tornato a parlare del suo futuro. Ospite del podcast radiofonico del giornalista e conduttore TV Brandon “Scoop B” Robinson, l’ex UConn ha corretto leggermente il tiro rispetto alle dichiarazioni newyorchesi di luglio.

Kemba Walker: “Tornare ai playoffs è l’unica cosa che voglio. Prenderò una decisione quando sarà il momento”

Gli Charlotte Hornets sono reduci da due stagioni negative. Nemmeno l’arrivo di Dwight Howard nell’estate 2017 è riuscito ad invertire la tendenza.

In entrambe le stagioni, Kemba Walker si è guadagnato la convocazione all’All-Star Game, ma gli Hornets non sono mai andati oltre le 36 vittorie stagionali.

Brandon Robinson ha domandato a Walker se, in una Eastern Conference priva di LeBron James, gli Charlotte Hornets possano essere considerati dei rivali per Boston Celtics e Philadelphia 76ers.

Questa la risposta di Kemba:

Non direi, perché dovremmo? Nelle ultime due stagioni non abbiamo dimostrato nulla. Nemmeno io considererei gli Hornets dei rivali… Comunque, la cosa non ci tocca, non ci disturba. La stagione non è neppure iniziata, e durante l’anno può accadere di tutto (…) il mio obiettivo sono i playoffs. Voglio tornare ai playoffs, voglio che la mia diventi una squadra da playoffs. La prossima deve essere la prima di tante post-season

– Kemba Walker sui suoi obiettivi per la prossima stagione –

Walker, nato e cresciuto a New York, è stato accostato più volte ai New York Knicks quale possibile obiettivo di mercato. I Knicks saranno in prima linea l’estate prossima per raggiungere un free agent di primo piano, in grado di fare coppia con Kristaps Porzingis.

Kemba rimanda ogni decisione sul suo futuro al luglio 2018:

Non saprei cosa dire. In carriera ho indossato una sola maglia sinora, quella di Charlotte. Quando sarà il momento di prendere una decisione, lo farò. Due mesi fa dissi che non mi vedevo in maglia Knicks, semplicemente perché al momento non mi vedevo con alcuna maglia che non fosse quella degli Hornets, capisci cosa intendo?

– Kemba Walker sull’imminente free agency –

Kemba Walker, Marvin Williams, Nicolas Batum
Nicolas Batum, Kemba Walker e Marvin Williams (AP Photo/Nell Redmond)

Walker rappresenta per gli Hornets 2018\19 una delle poche certezze. Il payroll di Charlotte è impegnato per 120 milioni di dollari in contratti onerosi, elargiti a giocatori come Nicolas Batum, Marvin Williams o Bismarck Biyombo i quali, a causa di infortuni e limiti, non hanno potuto essere di grande aiuto al due volte All-Star.

In estate sono arrivati dai San Antonio Spurs Tony Parker e coach James Borrego. L’ex assistente di Gregg Popovich rimpiazzerà Steve Clifford sulla panchina degli Hornets.

Dal draft (via LA Clippers) è arrivato Miles Bridges. L’ala ex Michigan State è stata selezionata con la scelta numero 12.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.